Banche, accordo tra Italia e Ue per gestire i crediti a rischio
Immagine
di David Carretta
Bruxelles - Dopo una lunga maratona negoziale il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, e la commissaria alla concorrenza, Margrethe Vestager, ieri sera hanno trovato un accordo su uno strumento che dovrebbe consentire alle banche italiane di disfarsi di gran parte dei crediti deteriorati. La bad bank italiana prenderà la forma di una “Garanzia sulla cartolarizzazione delle sofferenze” e dovrebbe permette di liberare il sistema bancario di circa 200 miliardi di non performing loans (NPL). «Nella strategia strutturale del governo sul settore bancario aggiungiamo un utile strumento che si integra con le riforme fatte», ha detto Padoan dopo l'accordo: «la Garanzia sulla cartolarizzazione aiuterà a smaltire in modo efficiente e veloce il problema delle sofferenze bancarie».


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



2016-01-27 03:46:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



2 commenti presenti
Sara veramente cosi????Io ho molti dubbi.
Commento inviato il 2016-01-27 11:51:23 da mario da francoforte
altro che dubbi mario, io da cliente bcc ho la certezza che questi fanno rispondere a noi risparmiatori del debito: ma ti pare normale che io cliente di filiale del centro-sud mi devo accollare il rischio che comporta il bail-in accorpando le filiali traballanti del nord con la scusa che si diventa spa e bla bla bla? le nostre filiali sono sane e in attivo......e da domani che renzi le accorpa io che ne so?
Commento inviato il 2016-01-27 17:50:01 da fatti neri
CERCA
promo
TUTTOMERCATO