Banche, nel 2008 per Via Nazionale Pop Vicenza era già a rischio: «Azioni sopravvalutate»
Immagine (Foto Ansa)
di Valentina Errante
Dopo l’ispezione del 2008, la situazione di Banca popolare di Vicenza, a parte i finanziamenti baciati, ossia i mutui concessi ai clienti perché acquistassero azioni della stessa Bpvi, era già nota a Bankitalia. Tanto che all’indomani dei controlli, nel 2009, gli ispettori Rosato, Turcato, Rosati, Scharzemberg e Re avevano trasmesso al governatore, all’epoca Mario Draghi, una breve nota sulle attività svolte, con conclusioni che potevano far presagire l’esito della vicenda. L’allarme sulla...

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



2017-11-09 23:05:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO