Addio al contributo di solidarietà: meno tasse per i redditi oltre 300 mila euro
Immagine
di Luca Cifoni
Era stato introdotto dal governo Berlusconi nella torrida estate del 2011, mentre si scatenava la tempesta sul debito pubblico italiano. Il contributo di solidarietà a carico dei redditi al di sopra dei 300 mila voleva avere anche una valenza simbolica rispetto ai sacrifici richiesti alla generalità degli italiani (che divennero ancora più gravosi con il successivo esecutivo guidato da Mario Monti). Fu poi confermato per un triennio dal governo Letta a fine 2013. Ora in assenza di proroghe questo particolare tributo viene meno e non sarà applicato più a partire dall'anno d'imposta 2017: ciò vuol dire che viene pagato per l'ultima volta in questa stagione di dichiarazione dei redditi dai titolari di reddito d'impresa e da lavoro autonomo, mentre i lavoratori dipendenti dovrebbero aver ottemperato per l'ultima volta al loro obbligo già con il conguaglio di fine 2016.

Il contributo era fissato al 3 per cento della parte di reddito che eccede la la soglia dei 300 mila euro. In realtà però l'importo prelevato era pari a poco più della metà di questa percentuale, perché la legge aveva previsto che il contributo fosse deducibile ai fini dell'Irpef e delle addizionali locali. Inoltre erano escluse dal prelievo le quote di reddito già sottoposta ai contributi di solidarietà sulle pensioni in vigore negli scorsi anni. Sommando algebricamente tutti questi effetti, la Ragioneria generale dello Stato aveva quantificato in circa 150 milioni l'anno il sacrificio complessivo a questa platea di contribuenti. Una platea piuttosto esigua visto che in base alle statistiche sulle dichiarazioni dei redditi relative all'anno d'imposta 2015 ne facevano parte solo 34 mila persone.
2017-06-16 19:02:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



6 commenti presenti
Avrà pure avuto una valenza simbolica e la soglia del 3& subisce anche una riduzione alla metà (1,5%) per via della detrazione, sarà pure esigua la platea dei contribuenti colpiti, come esiguo è il relativo gettito che ne deriva, ma si parla della parte di reddito eccedente ben 300 milioni annui, livello di reddito annuo che una percentuale vicinissima al 100% di contribuenti italiani neanche si sogna. Quindi domanda numero uno: cosa aspetta il governo a maggioranza P.D. a ripristinarla? Non avrebbe dovuta farla decadere, perché questo è semplicemente "Socialismo al rovescio". Domanda numero due che ne deriva: I governi berlusconiani l'avevano almeno introdotta, ed ora la sinistra e quelli che l'hanno votata hanno qualcosa da dire? Questa solo per dovere di equilibrio, perché sono anni che sono un astensionista.
Commento inviato il 2017-06-16 20:04:47 da Riky 1938
Non si fa giustizia con le tasse. Con le tasse perdiamo tutti.
Commento inviato il 2017-06-16 21:47:59 da lugar1
Come se sò sacrificati, ancora stanno a piagne'. Ma per piacere
Commento inviato il 2017-06-16 23:24:45 da romanord
Ingiustizia e` fatta. Grazie al PD e alla magistratura connessa.
Commento inviato il 2017-06-16 23:40:19 da ma de che....
Vi sembra normale pagare il 23% di tasse a partire dal primo euro ( tolsero la no tax area) e pagare il 43/ per chi supera i 75000 euro? Potrebbero aggiungere uno scaglione del 45% a chi supera i 100000/150000 euro e abbassare il primo scaglione! Se contassi su qualcosa in più al mese potrei comprare qualcosa. hanno massacrato la classe media, diventata quasi povera
Commento inviato il 2017-06-17 09:38:24 da michelle
Sottoscrivo pienamente il post di MICHELLE (9:38): ricordo che quel provvedimento lo prese il governo Prodi di cui Bersani era ministro. Quando qualcuno fece notare al Bersani che in quel modo sarebbero aumentate le tasse soprattutto alle fasce con reddito piu' basso lui menti' spudoratamente dichiarando che a compensare l'aumento delle tasse ci sarebbero state nuove detrazioni, che pero' riguardarono chi aveva piu' di quattro figli, cioe' tutti i rom, Berlusconi e Del Rio.
Commento inviato il 2017-06-18 14:28:43 da maurizio macold
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO