Imu, è caos: si paga anche a Roma la quota aggiuntiva. Sindaci in rivolta
Immagine E' caos: si paga anche a Roma la quota aggiuntiva. Sindaci in rivolta
PER APPROFONDIRE
di Luca Cifoni
Sarà mini, ma è sempre Imu: si pagherà a gennaio per l’abitazione principale non solo nei Comuni che hanno aumentato l’aliquota nel 2013, quando era già nota l’intenzione del governo di cancellare il tributo, ma anche in tutti quelli in cui il livello del prelievo è superiore a quello standard del 4 per mille. Il testo definitivo del decreto legge verrà diffuso solo oggi, ma la scelta del governo è porre a carico dei cittadini metà della differenza tra l’imposta calcolata ad aliquota standard e quella derivante dalle delibere comunali. Anche se sono in corso verifiche dell’ultima ora per far scendere ancora un po’, forse al 40, la percentuale a carico del contribuente.

La decisione ha ovviamente provocato una reazione molto forte dell’Anci e dei sindaci interessati. «Il governo faccia rapidamente chiarezza sulla seconda rata dell'Imu 2013 e onori gli impegni assunti con i contribuenti e i Comuni italiani» ha detto Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente dell’Anci. Ancora più duro il primo cittadino di Milano, Giuliano Pisapia. «La decisione di ieri del governo di non dare ai Comuni l'intero gettito dell'Imu prima casa facendo pagare una parte ai cittadini è una follia - ha tuonato - se così fosse saremmo allo scontro istituzionale». Per il sindaco di Ascoli Piceno e delegato Anci alla finanza locale, Guido Castelli, «il rischio è che la nuova Iuc sia alla fine più alta della somma di Imu e Tares». Secondo Enzo Bianco, primo cittadino di Catania è «una situazione che conduce molti comuni virtuosi in una condizione di straordinaria difficoltà».

LE GRANDI CITTÀ
Di fatto in misura diversa la novità coinvolge oltre un quarto degli ottomila Comuni italiani, e buona parte delle grandi città: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Genova e molte altre ancora. I sindaci già nel 2012 avevano dovuto gestire l’operazione Imu, non solo in relazione alle abitazioni principali ma anche al fortissimi aumento di gettito sugli altri immobili, per metà destinato allo Stato. E per le prime case spesso avevano scelto la strada dell’aumento di aliquota per fronteggiare la riduzione dei trasferimenti statali. Ora quelli dei centri interessati dovranno di nuovo chiamare i propri cittadini alla cassa, affrontando anche i conseguenti oneri informativi e organizzativi.

Complessivamente il gettito Imu 2012 relativo alle abitazioni principali è stato di circa 4 miliardi, di cui circa 600 milioni provenienti dalle manovre decise dai Comuni. A questi ne vanno aggiunti poco meno di 500 derivanti dalle ulteriori scelte di aumento fatte quest’anno, nel pieno rispetto delle regole ma forse con una certa disinvoltura visto che il governo aveva già fatto sapere di voler abolire il prelievo. Troppi soldi dal punto di vista del ministero dell’Economia, che aveva reso trovato 2,4 miliardi per la cancellazione della prima rata e ora ne ha resi disponibili altri 2,1: ma in questi importi rientra anche la cancellazione dell’imposta, seppure non totale, per il settore agricolo.
29 Nov 2013 07:49 - Ultimo aggiornamento: 10:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

23 commenti presenti
1 2 3
GOVERNO DI PASTICCIONI
Incapaci di levare una tassa per bene. Anche mio figlio di 10 anni avrebbe fatto meglio
Commento inviato il 2013-12-06 alle 18:01:27 da giulioconsole1
teorema
come volevasi dimostrare.
Commento inviato il 2013-11-29 alle 21:06:56 da annalisabracco
NON VI LAMENTATE
per lamentarvi avete l'unica cosa da fare, non votarli, ma voi capoccioni perseverate, e allora pagate e zitti. Io ho deciso, voto M5S, se va male gli toglier la preferenza, intanto a questi che mi stanno fregando nn la d.
Commento inviato il 2013-11-29 alle 21:02:34 da lucianoshila
Bancomat
Davvero questi politici, e alcuni sono incapaci e/o corrotti, ci hanno preso per dei bancomat.
Commento inviato il 2013-11-29 alle 20:36:35 da cf1963
LETTAMENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
l'Imu non stata tolta. SENZA VERGOGNA!!!!!
Commento inviato il 2013-11-29 alle 18:43:52 da sherlock65
Ormai
siamo alla rapina. A quando le giuste reazioni ?
Commento inviato il 2013-11-29 alle 18:22:19 da giorgiopi
Sindaci in rivolta?
Si fanno belli per conquistare favori ed elettori con i soldi dei cittadini: ricordiamocelo alle eleezioni e stanghiamo senza piet e senza riguardo del colore, oramai fasullo e di mera apparenza, chi ci tartassa.
Commento inviato il 2013-11-29 alle 17:56:24 da Ferdinando
Soluzione
tagliamo un po' di quei fannulloni facenti parte di quel mega esercito dei dipendenti comunali. Obblighiamo gli altri a fronire un servizio degno di questo nome e la soluzione fatta!!!
Commento inviato il 2013-11-29 alle 17:00:25 da cobra00bros
Continuano a stangare....
Tanto oramai chiaro che i comuni considerano i possessori di case come dei bancomat da cui attingere alla bisogna per colmare i danni frutti dell'incapacit degli amministratori. In un periodo di recessione come questo, con i consumi dimezzati e il potere di acquisto delle famiglie medie praticamente nullo, questa nuova "stangatina" ci voleva proprio. L'italia sta accartocciandosi su se stessa, non vorrei che si arrivasse al punto che le "stangate" diventeranno di altro genere...
Commento inviato il 2013-11-29 alle 14:20:57 da luigi_67a
1 2 3