Inps, è online il nuovo sito: punta tutto sulla personalizzazione
Immagine
di Luca Cifoni
Dopo un lunghissimo lavoro di preparazione, è finalmente on line da stamattina il nuovo sito dell'Inps. Non è una novità da poco, visto che si tratta di uno dei principali portali della pubblica amministrazione, usato da cittadini e imprese per trovare informazioni ma anche e soprattutto per utilizzare servizi on line, dal lavoro domestico alle domande di pensione. Comprensibile quindi che nelle prime ore dopo il debutto, a causa del massiccio afflusso di utenti, l'accesso sia risultato difficile, con alcune pagine non immediatamente disponibili.

Una delle novità tecniche su cui il sito punta è la caratteristica di essere responsive, in grado cioè di adattarsi ai diversi dispositivi (desktop, tablet o smartphone). L'home page si presenta completamente rinnovata e mostra subito, oltre ad una maggiore accessibilità, lo sforzo di personalizzazione: l'ambizione è evidentemente quella di seguire le esigenze del cittadino/visitatore. Domina una barra di ricerca ad hoc mentre sulla fascia sinistra è possibile impostare la navigazione per categorie di utenza: famiglia, pensionati, disoccupati, persone con disabilità, lavoratori, migranti, e poi le figure professionali: aziende, banche, intermediari, medici etc. Così è possibile cercare il servizio che si desidera oppure accedere al proprio profilo in MyInps (serve la registrazione con Pin dell'istituto, Spid o Carta nazionale dei servizi).

​Nell'area personale viene offerta la possibilità di salvare i contenuti che interessano maggiormente, dalle prestazioni alle sedi Inps più vicine, per poi tornarvi con facilità. Si possono anche impostare avvisi e scadenze. Nelle sezioni "tradizionali", elencate nella parte più alta della homepage, si possono ritrovare i contenuti più istituzionali, dalle statistiche alle circolari alle pubblicazioni: un patrimonio informativo indispensabile per chi si occupa di lavoro o previdenza che forse varrebbe la pena di valorizzare ulteriormente.
2017-04-03 15:41:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



3 commenti presenti
Il VIZIO di costringere la gente a fare tutto on line spersonalizza l'iter delle pratiche e rende difficile il contatto da parte del pubblico con il personale dell'INPS che sembra trincerato dietro un muro di vetro oscurato rendendo difficile la richiesta di chiarimenti o la correzione o l'implemento della documentazione necessaria così che si allungano i tempi per riuscire a far fronte alle richieste di documenti tra l'altro molto spesso inutili e superflui. Boeri che fa si trastulla o gode in tutto questo?
Commento inviato il 2017-04-11 19:05:49 da giulioconsole1
Direi il contrario si punta sulla spersolanizzazione considerato che i contatti con il personale INPS diventano sempre più radi
Commento inviato il 2017-04-18 13:58:37 da giulioconsole1
DIREI il contrario l'INPS punta tutto sulla spersonalizzazione. Facendo tutto on line significa non avere un riscontro immediato su ciò che si è fatto e se si è sbagliato o omesso qualche cosa l'INPS se ne guarda bene dal comunicarlo e ciò provoca ritardi enormi sulle pratiche e diritti da far valere da parte degli utenti
Commento inviato il 2017-05-11 08:23:45 da giulioconsole1
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO