Eni, Descalzi: «Il petrolio risalirà. Serve una Libia unita»
Immagine
Claudio Descalzi, quanto durerà ancora l’anomalia di un prezzo del petrolio tanto basso?
«Chiariamo un equivoco. Negli ultimi 30 anni abbiamo avuto tanti cicli in salita e tanti in discesa, ma l’anomalia è il prezzo alto non il contrario. In questi sei anni abbiamo visto picchi di prezzo fino a 120 dollari il barile. Una dinamica interrotta nel dicembre 2014, quando l’Opec annuncia il disimpegno quale regolatore dei flussi. È a quel punto che il mercato finisce nelle mani della speculazione più hard, cioè gli hedge fund. Con la conseguenza che se negli anni ’80 per ogni barile fisico si muovevano 6 barili di carta (cioè futures sul petrolio, ndr), nel 2015 si è arrivati a 50. E quest’anno è presumibile che, data la congiuntura, quel rapporto aumenterà».

Quanto ha pesato invece la sovraproduzione?
«Negli ultimi dodici mesi Arabia Saudita e Iraq insieme hanno prodotto mediamente un milione di barili in più al giorno. Ben più della metà dell’eccesso di offerta che ha toccato in media 1,6 milioni, con punte fino a 2 milioni. Ovviamente ciò ha svilito ulteriormente il prezzo».

Ancora non ha detto quanto può resistere l’industria del petrolio ai prezzi attuali.
«Se guardiamo ai fondamentali, viene da pensare che la situazione non sia sostenibile a lungo. Anzi, è molto probabile una ripresa delle quotazioni già a partire dalla seconda metà del 2016».



CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



2016-03-05 23:47:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
CONDIVIDI NOTIZIA
APPROFONDIMENTI

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



4 commenti presenti
Sig. De Scalzi, non ci tengo affatto che il prezzo del petrolio risalga e come me credo che la pensino tutti meno che le persone come lei. Per piacere faccia dei discorsi seri.
Commento inviato il 2016-03-06 11:55:20 da ig84
Mi stupisce che si intervisti un tale che spera che il prezzo del petrolio risalga. Forse è un ambientalista spinto? Oppure un petroliere affamato di caropetrolio? Una delle due.
Commento inviato il 2016-03-06 11:57:02 da ig84
Questo è l'esempio di "manager con i sassi in testa" . Ma non si è reso conto che nonostante tutti i ribassi , i consumi di benzina sono calati? Figurati se la riportano verso i 2 euro cosa succede. Iniziassero a fare mea culpa per tutti i mancati ribassi mai percepiti dai cittadini. La colpa non è sempre delle accise e soprattutto non sempre è domenica!
Commento inviato il 2016-03-06 19:47:39 da ghirifalco
e ce lo dice pure che il barile e' arrivato a 120 dollari con i carburanti a 1,6 per il gasolio e quando il barile e' arrivato a 30 dollari il gasolio non e' sceso sotto 1,1 euro?? ma non si vergognano questi petrolieri a fare certe dichiarazioni???? abbassano in ritardo ed aumentano immediatamente!!!
Commento inviato il 2016-03-06 22:16:29 da ramaja
CERCA
TUTTOMERCATO