Disoccupazione in calo all'11%, mai così bassa dal 2012. Ma crescono soprattutto i posti a termine
Immagine
Il tasso di disoccupazione a novembre è sceso all'11% dall'11,1% di ottobre, al livello più basso dopo settembre 2012. Lo rileva l'Istat sottolineando che il tasso è diminuito di un punto percentuale rispetto a novembre 2016. I disoccupati totali sono 2.855.000 con un calo di 18.000 unità su ottobre e di 243.000 unità su novembre 2016.

Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni diminuisce invece al 32,7% in calo di 1,3 punti rispetto a ottobre, mentre rispetto a novembre 2016 si registra un calo di 7,2 punti. È il tasso più basso da gennaio 2012. Il tasso di occupazione in questa fascia di età è al 17,7% con un aumento di 0,5 punti rispetto a ottobre e di 1,4 punti rispetto a novembre 2016.

A novembre 2017 gli occupati in Italia erano 23.183.000 con un aumento di 65.000 unità su ottobre e di 345.000 su novembre 2016. Si tratta del livello più alto dall'inizio delle serie storiche (1977). Il tasso di occupazione 15-64 anni è salito al 58,4% con un aumento di 0,2 punti percentuali su ottobre e di 0,9 punti su novembre 2016. Il tasso di occupazione che tiene conto degli effetti demografici è ancora al di sotto del livello massimo del 2008 di 0,5 punti. Per le donne il tasso di occupazione sale al 49,2%, il livello più alto di sempre.

Cresce soprattutto l'occupazione dipendente (+497.000 occupati dipendenti rispetto a novembre 2016), e tra questa quella a termine (+450.000 unità a fronte di appena 48.000 in più a tempo indeterminato). Rispetto a ottobre gli occupati dipendenti sono aumentati di 68.000 unità (+14.000 permanenti e +54.000 a termine). In pratica i dipendenti a termine sono cresciuti del 18,3% rispetto a novembre 2016 mentre i dipendenti permanenti sono aumentati dello 0,3%. Gli indipendenti sono diminuiti di 3.000 unità su ottobre e di 152.000 unità su novembre 2016.

Se nel complesso il tasso di occupazione ha raggiunto il 58,4%, un livello ancora mezzo punto inferiore ai livelli del
2008, per le donne il tasso è ora al 49,2%, il livello più alto di sempre (oltre 1,5 punti percentuali superiore e a quello del 2008). Il dato è ancora molto inferiore comunque a quello maschile (67,6%).

L'aumento dell'occupazione, soprattutto a causa dell'andamento demografico e della stretta sull'accesso alla pensione, si concentra tra gli over 50 che segnano una crescita di 52.000 occupati su ottobre e di 396.000 occupati su novembre 2016. Si registra un aumento comunque anche degli occupati tra i 15 e i 24 anni (+76.000 unità rispetto a novembre 2016) e tra i 25 e i 34 anni (+34.000). Tra i 35 e i 49 anni si sono persi 161.000 occupati. Il tasso di occupazione tra i 50 e i 64 anni è al 60,1% con un aumento di 1,5 punti rispetto a novembre 2016. Tra i 15-24enni il tasso di occupazione è cresciuto di 1,4 punti rispetto a novembre 2016 mentre tra i 25 e i 34 anni il tasso è salito di 1,2 punti percentuali. Tra i 35 ei 49 anni il tasso è salito di 0,3 punti percentuali.

«Con i dati Istat di oggi si realizza un risultato storico». Lo afferma il segretario del Pd, Matteo
Renzi su Facebook. «Da febbraio 2014 a novembre 2017 l'Italia ha recuperato più di un milione di posti di lavoro: 1.029.000 per la precisione (di cui il 53% a tempo indeterminato). Il JobsAct - aggiunge Renzi - ha fatto aumentare le assunzioni, non i licenziamenti: il tempo è galantuomo, lo diciamo sempre». 

«Le persone che lavorano - osserva Renzi - sono al livello massimo da quando esistono le serie storiche dell'Istat: 23 milioni e 183 mila. Mai l'Italia aveva raggiunto questo livello di occupati. Quando noi abbiamo iniziato la disoccupazione era oltre il 13%, adesso è all'11%. Quella giovanile era oltre il 44%, adesso è sotto il 33%».

«Naturalmente - prosegue il segretario del Pd - noi non ci accontentiamo e vogliamo investire sulla qualità dei lavori, non solo sulla quantità. Vogliamo il salario minimo legale, che adesso si può finalmente introdurre. Vogliamo che i nostri giovani studino per vivere da protagonisti nella società dell'intelligenza artificiale. Vogliamo dare garanzie a chi non ce la fa o perde l'occupazione, a cominciare dal Rei». 

«Il tasso di disoccupazione è calato di un decimo all’11% a novembre, ai minimi da settembre del 2012. Inoltre il dettaglio è positivo in quanto: 1) il calo dei senza lavoro si accompagna a un aumento degli occupati e a una diminuzione degli inattivi; 2) la creazione di posti di lavoro non è limitata all’occupazione temporanea e alle classi di età più anziane. In sintesi, il dato conferma che la disoccupazione mantiene un trend in calo, sia pur lento, in coerenza con le indicazioni più che confortanti sul mercato del lavoro giunte di recente dalle indagini di fiducia sia delle imprese che delle famiglie. Stimiamo una media del tasso dei senza-lavoro quest’anno al 10,7%, in calo dall’11,3% del 2017», ha commentato Paolo Mameli, senior economist di Intesa Sanpaolo.

 
2018-01-09 10:25:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



16 commenti presenti
1 2
DATO inquinato dal precariato
Commento inviato il 2018-01-09 10:31:51 da giulioconsole1
Premesso che ai numeri dell'istat non ci credo, ma è evidente che se non mandi la gente in pensione gli occupati aumentano, benché con contratto precario. È uno degli effetti della legge Fornero. Che poi tra un anno crollano gli occupati poiché scadono i contratti questo non lo dicono.
Commento inviato il 2018-01-10 10:14:46 da skywalker58
a questi roboanti dati mi chiedo se vivono in italia,,,giovani con paghe miserabili e contratti penosi,,considerano stabilmente assunto uno con contratto giovani (che paghiamo noi) o part time pure a temmine,,,direi che vi piace vincere facile ehhhhhh
Commento inviato il 2018-01-09 19:03:53 da fatti neri
E' vero che la disoccupazione e' diminuita , ma non dicono il motivo, (scappano tutti all'estero)
Commento inviato il 2018-01-09 17:02:56 da peppaccio
Dopo averci sorbito per anni le balle di berlusconi e di FI, adesso ci stiamo sorbendo le balle di renzi e dei sinistri. Dai ristoranti pieni alla disoccupazione al minimo, non abbiamo niente da lamentarci, tutto va bene. PER LA CASTA INDUBBIAMENTE TUTTO VA A GONFIE VELE.
Commento inviato il 2018-01-09 15:47:51 da sebin5
Siamo a 60 giorni dalle elezioni e l'Istat vuole dare una mano al Pd. Quali altre splendide notizie ci verranno rifilate fino al 4 marzo??? Siamo in piena commedia De Filippo!! Patetici!!!
Commento inviato il 2018-01-09 14:23:50 da TonyGiampy
Per quanto mi sforzi, non riesco a credere a una sola parola, a un solo numero di quest'articolo. Paolo Diamante Roma
Commento inviato il 2018-01-09 13:49:59 da prudentissimo
Il gioco è molto semplice: Si licenzia un dipendente a posto indeterminato, e si assumono a rotazione per tre mesi 4 giovani con sgravio fiscale e che prendono stipendi da fame. Evviva gli occupati sono aumentati, siamo fuori dalla crisi. Ma quello che conta di più gli Imprenditori e gli speculatori e gli amici degli amici fanno affari d'oro....
Commento inviato il 2018-01-09 13:21:45 da bonpi
"Calo" disoccupati + Crescita "contratti" a termine = AUMENTO DELLA PRECARIETA' DI LAVORO, DI VITA E DI FUTURO. Scrivete così.... che se fà prima...
Commento inviato il 2018-01-09 13:10:44 da rosssanelli
Per fortuna ci sono le collsenter del PD.
Commento inviato il 2018-01-09 11:59:27 da mircen
Chissà perché, in periodo elettorale, non credo molto a questi dati strabilianti. Forse è perché nessuno dei disoccupati che conosco, e sono molti, ha trovato lavoro, nemmeno a termine.
Commento inviato il 2018-01-09 11:49:28 da Dino1946
mancano 60 giorni alle elezioni per cui il Minculpop muove le sue pedine in modo da dimostrare che il Regime funziona egregiamente. Più occupati anche se a tempo determinato meno disoccupazione giovanile e, udite udite, addirittura record dei record dal 1977, 41 anni, in Italia non c'era questo boom occupazionale. Con questi numeri la sinistra avrà non una maggioranza ma un apoteosi di consensi.
Commento inviato il 2018-01-09 11:26:47 da ancomarzio1978
E gli asini volano...
Commento inviato il 2018-01-09 11:18:14 da kiks1
A quanto pare per il governo i stagionali assunti per le festività, come chi lavora part-time vanno inclusi tra chi lavora, pur non lavorando affatto.
Commento inviato il 2018-01-09 10:59:10 da Domenico Proietti
beh, quello che si voleva, no? E' un po di tempo che il drago cartomante si è addormentato, non lo sento più dire che l'economia si è ripresa.
Commento inviato il 2018-01-09 10:36:45 da chebellafigura
ISTAT non ha mai fornito dati attendibili, ma girandole di cifre, paragoni assurdi e irrealtà, demolite, in seguito, dalle "vere realtà", e alla fine ne risulta un miscuglio di cifre che fanno a pugni fra di loro. ISTAT è un Ente di Stato, succube ai governi. Il PD è alle strette, sta affogando e presto scomparirà. Ha bisogno continuo di ossigeno e assist, ma i cittadini italiani, che ormai hanno capito sia la natura del' individuo Renzi che l' inaffidabilità e parzialità di ISTAT, faranno si che quel' ossigeno serva a nulla. Good bye PD, non piangeremo per la tua scomparsa.
Commento inviato il 2018-01-10 12:22:01 da egocentrico
1 2
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO