Oxfam, crescono le disugaglianze nel mondo. In Italia 8 Paperoni ricchi come il 30% più povero
Immagine Una immagine di Davos
La disuguaglianza cresce nel mondo. Bastano i primi 8 Paperoni del pianeta per fare la ricchezza dei 3,6 miliardi più poveri. È quanto calcola il rapporto Oxfam - la ong britannica attenta all'economia sociale - che conferma il dato che emerge dal 2015: l'1% dei più facoltosi al mondo possiede quanto il restante 99%. In un contesto di crescenti contrasti la ricchezza cumulata da un'esigua minoranza di super ricchi sta crescendo a dismisura tanto che, con questo ritmo, tra 25 anni potremmo trovarsi di fronte al primo trilionario, con una ricchezza superiore ai 1.000 miliardi di dollari.

Il rapporto aggiorna i dati della disuguaglianza in occasione dell'appuntamento del World Economic Forum che vede i potenti del mondo riuniti a Davos, nella cittadina svizzera del cantone dei Grigioni nota per la sua «montagna incantata». Tanto che viene accompagnato da una petizione rivolta ai governi per chiedere una serie di interventi in favore di una economia con meno sperequazioni.

Del resto il quadro che emerge dal rapporto di Oxfam non registra miglioramenti. Nemmeno in Italia. Nel Belpaese bastano i primi sette miliardari indicati nella classifica di Forbes - un elenco che va dalla Rosa Anna Magno Garavoglia del gruppo Campari a Giorgio Armani, da Gianfelice Rocca a Silvio Berlusconi passando per Giuseppe De Longhi e Augusto e Giorgio Perfetti - per eguagliare quanto possiede il 30% dei concittadini più poveri. L'1% più ricco degli italiani possiede il 25% della ricchezza nazionale (mentre l'anno precedente si attestava al 23%).

Oxfam Italia ha elaborato i dati dividendo la popolazione italiana in diversi gruppi e attribuendo loro i valori della ricchezza nazionale netta, che nel 2016, si è attestata a 9.973 miliardi di dollari. Il 20% della popolazione più ricca detiene da sola poco più del 69% di questo valore nazionale, il successivo 20% controlla il 17,6% della ricchezza, lasciando al 60% degli altri concittadini appena il 13,3%.

Ma l'Italia è in buona compagnia. Basta pensare che nel mondo 7 persone su 10 vivono in Paesi dove la disuguaglianza è aumentata. Non c'è da meravigliarsi visto che tra il 1988 e il 2011 l'aumento medio dell'1% più ricco della popolazione mondiale è stato di 11.800 dollari, 182 volte di più dell'aumento del 10% più povero, pari a 65 dollari, è stato di meno di 3 dollari l'anno.

Il reddito è una buona unità di misura anche per altre disuguaglianze. Oxfam ha calcolato che, con i trend attuali, serviranno 170 anni affinchè le donne possano raggiungere lo stesso livello retributivo degli uomini. Altri dati: basterebbe recuperare l'elusione fiscale delle grandi multinazionali per mandare a scuola 124 milioni di bambini.

Per questo Oxfam ha lanciato una petizione al popolo di Davos per chiedere un intervento dei governi per ridurre le disuguaglianze: politiche per arginare la concentrazione di ricchezza; stop alla concorrenza fiscale al ribasso; sostegno a modelli di business non orientati solo a massimizzare il profitto; incoraggiamento di innovazioni tecnologiche a vantaggio di tutti; una transizione verso l'uso di energie rinnovabili; la promozione dello sviluppo in base anche ad indicatori relativi al benessere dei cittadini e non solo del Pil.

«È ormai tempo che anche in Italia il Governo e le principali forze politiche si facciano davvero carico di queste preoccupazioni - afferma la direttrice di Oxfam Italia, Elisa Bacciotti - ed inizino a porre in atto misure concrete per attuare un nuovo modello economico, un'economia umana che dia alle persone salari dignitosi, servizi pubblici di qualità e uno sviluppo economico che rispetti il pianeta».

 
2017-01-16 15:50:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



4 commenti presenti
viene anche pubblicata apertamente questa vergogna, come se nulla fosse. Se questo e' il nuovo ordine mondiale, vuoldire che nessun governo della terra ha imparato nulla della storia passata.
Commento inviato il 2017-01-16 16:52:22 da vasfran
Ci sono solo due modi per porre rimedio a questo disequilibrio, uno è immediato e consiste nell'invalidamento del denaro che sappiamo essere virtuale e quindi annullabile con un solo click, il secondo è il più auspicabile anche se più lento e consiste nella fiscalità monetaria e il superamento dell'attuale sistema di tassazione. Con la fiscalità monetaria lo Stato (che se vuole ha più potere dei potenti) attua un nuovo sistema di tassazione per mezzo di un prelievo sui valori monetari detenuti da ciascuno, in questo modo chi ha di più paga di più, chi non ha niente non paga niente, in piena conformità con l'art. 53 dove dice che tutti devono contribuire alla spesa pubblica secondo le proprie possibilità. Con il superamento dell'attuale sistema di tassazione i prezzi dimezzano perché i produttori di beni e servizi non devono più scaricare sui prodotti il peso fiscale, peso che oggi è in carico alle classi medie e i poveri che sono il 90% dei cittadini consumatori.
Commento inviato il 2017-01-16 18:18:31 da giusyromano
L'uguaglianza deve esserci nelle opportunità, non certo nei risultati. Il problema non sono i ricchi. Sono i poveri, specialmente del terzo mondo che, lo sappiamo bene, ci costano un botto. Se la prendano con i ladroni africani che si mangiano gli aiuti internazionali lasciando i loro popoli nell'indigenza. Noi abbiamo e stiamo già dando. Più di quanto sarebbe moralmente accettabile. Gli amici del giaguaro periodicamente difendono i loro stipendi...Ma non ci caschiamo più.
Commento inviato il 2017-01-16 18:50:03 da sr.pococurante
Non mi sembra sia cambiato alcunché negli ultimi 5000 anni !!
Commento inviato il 2017-01-16 20:26:08 da Eisenzahn
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO