Istat, peggiora il deficit nel 3° trimestre. Giù anche la pressione fiscale
Immagine
C'è un inatteso peggioramento dei conti pubblici dell'Italia nel 3° trimestre. Secondo l'ultima rilevazione dell'Istat, il rapporto deficit/PIL è stato pari al 2,1%, in lieve peggioramento (+0,1 punti percentuali) rispetto allo stesso trimestre del 2015 e rispetto alle attese degli economisti. Positivo il saldo primario della Pubblica Amministrazione (indebitamento al netto degli interessi passivi), con un'incidenza sul PIL dell'1,7% (1,9% nel terzo trimestre del 2015). Il saldo corrente è stato anch'esso positivo, con un'incidenza sul PIL dello 0,8% (1,5% nel terzo trimestre del 2015).

GIU' LE TASSE: CRESCONO REDDITI E CONSUMI
Scende la pressione fiscale, che si è attestata al 40,8%, segnando una riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questo ha beneficiato il reddito disponibile delle famiglie consumatrici, aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,3%. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 9,3%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. In presenza di un incremento congiunturale dello 0,2% del deflatore implicito dei consumi delle famiglie, il potere d'acquisto delle famiglie è aumentato ancora registrando un incremento dello 0,1%. La quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 41,7%, è risultata invariata rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento, pari al 19,4%, è aumentato di 0,3 punti percentuali.
2017-01-05 11:00:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



6 commenti presenti
Ormai l'aumento dei tassi nell'eurozona è all'orizzonte. Allora saranno dolori.
Commento inviato il 2017-01-05 11:11:21 da minnamor
perchè peggiora il deficit? la coop che gestisce il centro di conetta(quello dove c'è stata la rivolta dei 1400 nordafricani,in Veneto), nel 2011 fatturava 110.000 euro. nel 2016 fattura 9 milioni e rotti. il deficit aumenta per via del filantropismo.(ma una volta il filantropismo,si pagava? ah si', solo i sudditi)
Commento inviato il 2017-01-05 11:17:42 da pasquale1058
neanche leggo più i dati istat...mi basta vedere i prezzi del mattone per capire come la nave italia affonda,,,e ancora scrivete che le tasse calano? ma bastaaa
Commento inviato il 2017-01-05 12:33:08 da fatti neri
Istat e amici palazzinari.... "mano nella mano", quindi, dato abbiamo il solito deficit nelle mani di irresponsabili, privilegiati spreconi, in qualche modo devono condizionare i gia spolpati cittadini delle nuove stangate in arrivo. Che brutta generazione quella X, la piu smidollata e peggiore.
Commento inviato il 2017-01-05 12:52:54 da vasfran
Giù le tasse? Io non me ne sono accorta, forse mi hanno dimenticata.
Commento inviato il 2017-01-05 14:54:55 da michelle
A differenza di Renzi/Gentiloni i quali affermano che tutto va bene, si continua a leggere che il debito pubblico cresce, e questo ci lascia un pò increduli considerato che da anni non si bandiscono concorsi pubblici per i nostri giovani, da anni vengono tagliati i fondi ai ministeri, senza guardare agli sperperi delle regioni, basta andare a vedere il cantiere del nuovo palazzo della Regione Puglia a bari per rendersene conto. Forse mi dimenticavo che il governo Renzi/Gentiloni hanno in odio i dipendenti pubblici.
Commento inviato il 2017-01-05 18:07:16 da salento46
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO