Il taglio Irpef con la flessibilità e un tetto unico alle detrazioni
Immagine
di Alberto Gentili
«Se ci saranno margini di flessibilità di bilancio anticiperemo il taglio dell’Irpef al prossimo anno». Tommaso Nannicini, il nuovo sottosegretario alla Presidenza del Consiglio capo della cabina di regia economica di palazzo Chigi, conferma l’intenzione di Matteo Renzi di sforbiciare già nel 2017 l’imposta sul reddito delle persone fisiche.

«E’ presto per dire come sarà riformata l’Irpef», spiega Nannicini, «stiamo facendo mille simulazioni. Di sicuro al momento c’è soltanto che dopo aver aiutato i ceti più bassi con il bonus da 80 euro, questa volta aiuteremo il ceto medio». I redditi fino a 75mila euro. Magari rastrellando qualche miliardo con la riforma delle agevolazioni e delle detrazioni fiscali. Senza entrare in quella giungla brandendo il macete per disboscarne una fetta, ma fissando un tetto unico, un limite annuo, all’utilizzo di agevolazioni e detrazioni.


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



2016-03-01 08:16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



2 commenti presenti
NON CAMBIERA' nulla taglieranno da una parte e daranno da un'altra naturalmente a chi ha più soldi
Commento inviato il 2016-03-01 09:18:32 da giulioconsole1
Come sempre accade, le cose semplici sono le più difficili! Le tasse ed i vari balzelli DEVONO servire SOLO per essere trasformati in beni e servizi per la comunità e NON per essere sperperati o, peggio, intascati da politicanti ed ammininestratori pubblici!
Commento inviato il 2016-03-01 09:22:56 da max049
CERCA
promo
TUTTOMERCATO