Alitalia, c'è l'accordo con gli arabi: Etihad verso l'ingresso con il 49%
Immagine Accordo con gli arabi: Etihad verso l'ingresso con il 49%
PER APPROFONDIRE
C'è l'intesa: Ethiad, la compagnia di Abu Dhabi investirà 300-350 milioni di euro in Alitalia per rilevare una quota del 49%. Il vettore arabo ha confermato oggi in una nota la trattativa in corso con Alitalia, senza tuttavia fare ulteriori commenti.

«Non posso che esprimere soddisfazione per la formalizzazione dell'interesse di Etihad per Alitalia. È un segnale importante che dimostra che la strada intrapresa dal governo due mesi fa per salvaguardare la strategicità del trasporto aereo per il nostro Paese e della sua compagnia storica fosse la strada giusta», ha affermato in una nota il ministro dei trasporti Maurizio Lupi, aggiungendo che «la manifestazione di interesse di Etihad conferma la strategicità del nostro Paese, dell'hub di Roma e di Alitalia».

«Abbiamo lavorato - ha affermato Lupi - perché i soci privati di Alitalia dimostrassero di credere nel loro investimento impegnandosi in un aumento di capitale che è stato sottoscritto per 225 milioni e chiusosi ieri con l'ingresso di Poste come importante partner industriale per 75 milioni. Ad Alitalia, dicevamo a inizio ottobre, servono discontinuità, stabilizzazione dell'azionariato e una importante ristrutturazione attraverso un nuovo progetto industriale. La nostra valutazione che Alitalia sia un asset strategico per il Paese, non era senza condizioni; oltre alle garanzie occupazionali, serviva una profonda revisione del piano industriale che garantisse alla società prospettive concrete di sviluppo e la possibilità di integrazione in un network globale».

«Venuto meno in questo senso il ruolo di Air France, che resta nell'azionariato con una quota minore, è stato possibile per Alitalia - ha sottolineato Lupi - muoversi liberamente per la ricerca di un importante partner internazionale. La manifestazione di interesse di Etihad conferma la strategicità del nostro Paese, dell'hub di Roma e di Alitalia per chi voglia competere nei nuovi mercati del trasporto aereo profondamente modificati negli ultimi cinque anni. Seguiremo con attenzione gli sviluppi».


Intanto oggi il cda di Poste Italiane ha dato il via libera alla sottoscrizione della quota di aumento di capitale da 75 milioni di Alitalia, nell'ambito dell'operazione che prevede l'ingresso del colosso pubblico nell'azionariato della compagnia. Il via libera del cda di Poste all'adesione della società all'aumento di capitale di Alitalia era la conclusione dell'iter amministrativo dopo che l'assemblea di Poste, nella riunione del 20 novembre, aveva deliberato la modifica dello Statuto includendo nell'oggetto sociale anche i servizi di trasporto aereo. Nell'ambito dell'operazione di aumento di capitale da 300 milioni di Alitalia, Poste ha garantito la sottoscrizione di complessivi 75 milioni dell'aumento di capitale rimasti eventualmente inoptati.
19 Dic 2013 16:53 - Ultimo aggiornamento: 22:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

6 commenti presenti
Compagnia di bandiera
Dopo aver rifiutato l'offerta di Air France in una trasmissione TV veniva intervistato Alemanno che disse testualmente : "io volo Alitalia". Forse intendeva dire "Al Italia". Quanto ci costato il salvataggio dell'orgoglio italiano tanto sbandierato da Berlusconi e dal suo compare Tremonti?
Commento inviato il 2013-12-20 alle 09:34:54 da giancarlo
Alitalia accordo con Etihad
Poveri arabi, in che vespaio si vanno a mettere.......
Commento inviato il 2013-12-20 alle 06:28:30 da Janlul
Il padrone e\' quel signore che ha lasciato 50,000 euro di mancia ... e che e\' stato criticato da questo giornale
...dopo che salva anche gli incapaci e tronfi Italioti del carrozzone da morti Alitalia lo si sberleffa sulle pagine del giornale...fantastico !!!
Commento inviato il 2013-12-19 alle 21:39:43 da OIGRESINOR
FORSE E\' LA VOLTA BUONA
basta licenziare i dirigenti che fino ad adesso hanno provocato solo danni
Commento inviato il 2013-12-19 alle 21:06:28 da lucianoshila
FORSE E\' LA VOLTA BUONA
basta che ha dirigere le operazioni nn ci siano i soliti noti (ci siamo capiti) che hanno gi fatto danni in molte aziende eppure continuano ad essere sempre in sella.
Commento inviato il 2013-12-19 alle 21:05:03 da lucianoshila