Borse asiatiche deboli sulla scia dei dati macro
Immagine
(Teleborsa) - I dati macroeconomici di Cina e Giappone appesantiscono la seduta odierna delle borse asiatiche, che retrocedono dai massimi in 10 anni toccati ieri. Il calo della produzione industriale giapponese a luglio è risultato in linea con le attese, ma gli investitori sono rimasti delusi dall'equivalente dato cinese di agosto, che era atteso in accelerazione ma si è rivelato inferiore anche rispetto alla stima precedente. Questo fattore, tenuto in considerazione il contemporaneo rallentamento delle vendite al dettaglio, rinforza il sospetto che la seconda maggiore economia mondiale stia perdendo terreno. Questo mentre lo yen continua a rimanere debole, mentre il dollaro è stabile in attesa dei dati sull'inflazione USA. A Tokyo l'indice Nikkei ha così ceduto lo 0,33% a 19.799 punti, mentre il Topix è sceso dello 0,34% a 1.254 punti. Seul invece chiude gli scambi con un incremento dello 0,25%. In negativo le borse cinesi: Shanghai perde lo 0,43% e Shenzhen lo 0,13%, mentre Taiwan fa meglio con un guadagno dello 0,2%. Miste le altre borse che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong registra un decremento dello 0,58% e Bangkok cresce dello 0,56%, mentre Singapore cede lo 0,29% e Kuala Lampur è sostanzialmente invariata al +0,01%. Piatta anche la borse di Jakarta (-0,02%), mentre Mumbay realizza un modesto profit (+0,16%). Altrove, la borsa di Sydney cede lo 0,12%
2017-09-14 09:45:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO