Borse asiatiche incerte anche per effetto parole Trump
Immagine
(Teleborsa) - I mercati asiatici chiudono una seduta in rosso, risentendo della performance negativa di Wall Street, in vista dell'avvio del simposio dei banchieri centrali a Jackson Hole, in Wyoming. A rendere nervose le borse hanno contribuito le dichiarazioni del Presidente USA Donald Trump sulla possibilità di un nuovo "shutdown", cioè il blocco totale delle spese per gli uffici federali. La Borsa di Tokyo chiude in rosso, con l'indice Nikkei che ha ceduto lo 0,36% a 19.365 punti, mentre il Topix è sceso dello 0,45% a 1.225 punti. Seul chiude gli scambi in rialzo con un incremento dello 0,38%. Deboli anche le borse cinesi, con Shanghai che registra un decremento dello 0,14% e Shenzhen dello 0,22%, mentre Taiwan guadagna lo 0,79%. Prevalentemente positive le altre borse che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong avanza dello 0,54%, Singapore dello 0,34%, Bangkok lo 0,10%, mentre Kuala Lumpur si muove sulla parità, Jakarta cede lo 0,39% e Mumbay lo 0,10%. Altrove, appare piatta Sydney con un +0,06%.
2017-08-24 08:45:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO