Ilva, Calenda: "Il 20 dicembre nessun tavolo se sindaco non ritira ricorso"
Immagine
(Teleborsa) - "La convocazione con l'ordine del giorno condiviso è uscita ieri, mi aspetto che il ricorso venga ritirato immediatamente" dal sindaco di Taranto. Non lascia spazio all'interpretazione il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda che parlando a Radio24, lancia il suo ultimatum: "altrimenti il tavolo non si farà, o ci occuperemo di quei problemi ma senza un confronto che non può essere in parallelo nelle Aule di Tribunale". Il Ministro Calenda che ha convocato il tavolo istituzionale per il 20 dicembre, ha ricostruito l'incontro avuto nei giorni scorsi a Taranto con il sindaco: "insieme abbiano tirato un ordine del giorno della riunione istituzionale, abbiamo fatto una dichiarazione congiunta sull'ordine del giorno", Calenda ha spiegato che il sindaco ha poi assicurato: "Appena ricevo la dichiarazione formale ritiro il ricorso. Ieri ho mandato la convocazione formale con quell'ordine del giorno - ha continuato il Ministro-, sto aspettando di sapere se, ma immagino che sarà così, se il sindaco terrà fede a ciò che ha detto, e cioè ritirare il ricorso perché non si può aprire un tavolo e discutere di cose che si discutono parallelamente al tavolo e in un Tribunale". La querelle nasce in seguito alla decisione del Comune di Taranto che insieme alla Regione Puglia ha deciso di impugnare al TAR il DPCM con il quale è stato modificato il Piano Ambientale dell'Ilva.
2017-12-07 19:30:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO