Lufthansa: la celebre cicogna blu e gialla sul punto di volare via.
Immagine
(Teleborsa) - Il possibile resyling della celebre e riconoscibilissima livrea di Lufthansa nel mondo intero è sempre più probabile, se non addirittura imminente. Si parla con insistenza del prossimo 7 febbraio. Già girerebbero tra gli "influencer" e i più informati tra gli appassionati del settore bozzetti e "schizzetti" con anticipazioni più o meno veritiere di loghi e stili grafici. Nel frattempo, ad avvalorare queste voci, il fatto che in queste ore un primo Boeing 747-800i di Lufthansa si trova in incognito proprio negli hangar di Fiumicino. Se non per un restyling di livrea per cosa? E perché proprio a Fiumcino? Congetture e ipotesi che potrebbero condurre lontano, visto il delicato momento del lavoro dei Commissari Alitalia alle prese con la vendita di cui appunto Lufthansa figura nettamente tra i favoriti. Ma restiamo al "reystiling".

"Der Kranich" (la cicogna, ndr) è il consolidato simbolo della compagnia tedesca in vigore dal 1918 e che ha avuto nel corso della sua storia solo lievi rivisitazioni: l'ultima risale alla fine degli anni '80, momento in cui l'azienda, che attraversava un periodo di grave crisi, aveva di fatto necessità di mostrare esternamente un segnale di forte cambiamento.

Non è questa sicuramente la motivazione di oggi, con il gruppo tedesco, per numero di passeggeri, si è affermato come il primo vettore europeo e il settimo nel mondo, con una flotta di aerei di ultimissima generazione che sfiora quasi le 300 unità.

Secondo indiscrezioni vicine a Francoforte, in febbraio, dovrebbe essere presentata con una cerimonia la nuova identità di marca. La data potrebbe essere proprio quella del 7 e l'occasione per l'evento non potrebbe essere di fatto migliore. Calendario alla mano, lo stesso giorno Lufthansa festeggerà infatti i 100 anni del simbolo del "Kranich", non della costituzione dell'azienda, presentando appunto, assicurano le fonti, una nuova livrea al mondo intero. Il simbolo che caratterizza oggi ogni elemento di contatto visivo di Lufthansa, dagli aerei ai banchi check in, dalle divise del personale fino alle app scaricate sui cellulari assumeranno man mano, col passare del tempo, i nuovi connotati grafici e di cromie rinnovate.

Le anticipazioni dicono che il simbolo del "Kranich" sulla coda pare che non avrà più le iconiche tonalità gialle bensì argento. Inoltre, pare si seguirà la tendenza del momento ovvero il simbolo potrebbe essere graficamente ingrandito, quasi sproporzionalmente per affermare, dicono gli esperti, in maniera evidente la positività dei valori intrinseci già presenti. Infine, il blu classico ed intenso che contraddistingue il timone di coda, potrebbe ricevere sfumature tendenti all'indaco.

Nella materia di marketing denominata più precisamente come "Branding", l'importanza iconica e semiotica di un logo, associato alla sua azienda di riferimento, ha di fatto un potere enorme e misurabile economicamente in termini di risultati della comunicazione visiva, sia diretta che indiretta, tanto da poter essere valorizzata come asset indipendente e imprescindibile che il management ha quindi il dovere di rafforzare e, soprattutto, proteggere. È chiaro che anche una sola ipotesi di un cambiamento lieve ma percepibile in quanto visibile di un noto e sano marchio porta inevitabilmente con sé più di qualche perplessità nell'ambito degli stakeholders coinvolti.

Oggi, la cicogna stilizzata, appare ancora sui timoni di coda con la sua fiera inclinazione di decollo; spicca il volo dipinta di blu su un definito sfondo giallo-oro intenso, cerchiato di un bordino che simboleggia il sole, che ben si contraddistingue a contrasto con una fusoliera tutta bianca.

Domani, forme e colori potrebbero cambiare e questo rappresenta per gli esperti un rischio nella complicata operazione di riposizionare l'immagine di un brand. Si andrebbe di fatto a modificare un profondo e consolidato rapporto psico-cognitivo instaurato tra azienda, consumatori e opinione pubblica, attraverso un legame di reciproca fiducia maturata nell'insight dell'individuo frutto di percezioni interne date dal rapporto tra spesa e prodotto/servizio e qualità ricevuta.

Ebbene, l'audace team di marketing di Lufthansa pare che abbia fatto ogni valutazione interna e che abbia altresì lavorato intensamente negli ultimi mesi al fine di elaborare una degna rivisitazione del brand, compito appunto delicato quello di riposizionare graficamente un marchio, soprattutto se consolidato e di successo come quello attuale.

Ogni cambiamento porta con sé un fiume di parole di ogni tenore, si sa: sorrisi e disapprovazioni. In tutte le cose solo il tempo è il migliore antidoto per far scivolare ogni novità dalla sorpresa all'abitudine dell'oblio.

Una nota finale per la cronaca: nel lontano 1988 proprio Lufthansa fece un test di cambio livrea su un boeing 737 e il risultato fu oltremodo goffo nell'abbondanza di giallo ed argento presenti. Le critiche furono talmente accese, i tedeschi non scherzano in quanto a fermezza, che il management decise di tornare immediatamente sui propri passi. Cosa succederà il prossimo febbraio rimane ancora in cielo, ma speriamo che la cicogna di Francoforte porti nel becco un bel bambino, il genere sembra non interessare troppo, purché sia davvero bello, ja schön (si bello), agli occhi di tutti!
2018-01-17 19:00:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO