Meridiana, niente accordo con i sindacati ma scendono gli esuberi
Immagine
(Teleborsa) - Non si sblocca la situazione in Meridiana, che è tornata a trattare con i sindacati per la questione degli esuberi, che va risolta prima della fusione con Qatar Airways. Il tavolo al Ministero dello Sviluppo oggi non ha risolto la situazione. Le trattative non non sono andate a buon fine, ma gli esuberi si sono quasi dimezzati a 514 dai 902 iniziali. Secondo i sindacati le posizioni sono ancora molto distanti ed il numero di esuberi è ancora troppo alto. Delle eccedenze emerse, una cinquantina sono fra il personale di terra, 433 fra gli assistenti di volo, mentre non c'è più alcun esubero fra i piloti.  L'azienda conta di chiudere la vertenza con i sindacati entro il 10 aprile. "Ora dobbiamo correre perché non abbiamo un tempo indeterminato per arrivare a un accordo con Qatar", ha ricordato il Presidente Marco Rigotti.  Il numero uno della compagnia sarda ha ricordato anche che il partner mediorientale, fra le richieste, ha formulato anche quella di arrivare ad un contratto "competitivo".  Dal canto suo, il Ministro dello Sviluppo Federica Guidi ha sollecitato l'azienda ed i sindacati a "ricercare in tempi rapidi l'accordo sul nuovo contratto di lavoro e sugli strumenti necessari ad una sostanziale riduzione delle eccedenze occupazionali", ricordando anche che è in fase di emanazione il decreto che consente la garanzia del Fondo speciale per il Trasporto aereo per i prossimi sette anni: "si tratta – ha detto il ministro – di un risultato importante che si aggiunge agli impegni presi, e mantenuti, per superare la grave crisi di Meridiana che hanno consentito l'individuazione della partnership con Qatar Airways e la tutela dei lavoratori con un adeguato supporto al reddito".
2016-03-23 16:45:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
TUTTOMERCATO