Pace fatta tra Argentina e hedge fund americani, accordo da 4,65 miliardi
Immagine
(Teleborsa) - L'Argentina ha raggiunto un accordo di principio con i suoi creditori, per concludere una disputa legale che dura da lungo tempo, una mossa che dovrebbe spianare la strada a un ritorno sui mercati internazionali dei capitali, tanto necessario per il Paese che deve fare i conti con un deficit pari al 5,8% del PIL. Il mediatore americano Daniel Pollack, ha fatto sapere che le due parti hanno raggiunto un accordo per risolvere la disputa sul debito in default che dura ormai da 15 anni. L'intesa prevederebbe il versamento di 4,65 miliardi di dollari da parte dell'Argentina ai cosiddetti fondi avvoltoi, guidati dall'hedge fund Elliott Management. "E' un piacere annunciare che la battaglia in corso da 15 anni tra l'Argentina ed Elliot Management, guidato da Paul E. Singer, è ora ben sulla via della risoluzione", ha commentato Pollack. L'accordo di principio deve comunque essere ancora approvato dal Congresso argentino.  All'inizio di questo mese, c'era già stato un accordo sui tango-bond tra il governo argentino e la task-force Argentina (TFA) guidata da Nicola Stock per la risoluzione della controversia con gli obbligazionisti italiani coinvolti nel default del 2001.
2016-02-29 19:30:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
TUTTOMERCATO