Reddito di cittadinanza, Boeri: costa 35-38 miliardi l'anno
Immagine
Il reddito di cittadinanza così come proposto dal Movimento 5 stelle costerebbe a regime circa 35-38 miliardi l'anno. Il calcolo è del presidente dell'Inps, Tito Boeri. I conti, che aggiornano le precedenti stime dell'Istituto sulla proposta di legge presentata dai 5 stelle all'inizio della scorsa legislatura (in precedenza il costo era stato quantificato in 29 miliardi di  euro) piomba sul dibattito politico in vista della definizione del nuovo Governo.

Pronta la replica dei grillini. «Il Reddito di cittadinanza costa 14,9 miliardi più i 2,1 che abbiamo previsto per la riforma dei Centri per l'impiego. Punto. Ci basiamo sulla stima Istat che ha confermato il costo da noi calcolato per il nostro provvedimento», ha replicato la senatrice Nunzia Catalfo che rilancia ricordando le difficoltà dell'Inps sul cumulo delle pensioni dei professionisti, sul quale è stato poi raggiunto in serata un accordo. «La mia impressione è che Boeri conosca la materia meglio dei 5 Stelle», ha chiosato il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda.

Indirettamente affronta il tema anche il premier uscente Paolo Gentiloni. «Il Paese - ha detto Gentiloni - si troverà nelle prossime settimane davanti ad un bivio. Se è vero che c'è moltissima strada da fare e l'elettorato l'ha registrato, penso che la strada imboccata sia quella giusta. Il Paese non può permettersi una fiera delle velleità che ci porterebbe fuori strada».

La via per sostenere le persone che sono in una situazione di povertà secondo Gentiloni, ma anche secondo il presidente dell'Inps, è quella imboccata con il Rei, il reddito di inclusione che oltre ad avere un costo molto minore (2,2 miliardi complessivi nel 2018, tre miliardi a regime nel 2020) prevede un progetto personalizzato per l'uscita della famiglia dalla condizione di bisogno. «Il reddito minimo c'è già - dice Boeri alla presentazione dei primi dati sul reddito di inclusione - e si chiama Rei. È un primo passo, ancora sottofinanziato, ma c'è».

I nuclei che sono stati beneficiati da misure di contrasto alla povertà - spiega Boeri riferendosi al Rei, al Sia, il
sostegno all'inclusione attiva e alle misure regionali integrative - sono 251.000 famiglie per 870.000 componenti. Al
momento è stato raggiunto quasi il 50% della platea potenziale (era 1,8 milioni di persone al primo step) ma a luglio la misura diverrà universale (vengono meno i requisiti familiari e restano solo quelli economici) e si punta a una platea di quasi 700.000 famiglie e 2,5 milioni di persone interessate.

L'importo del Rei raggiunge al massimo 187 euro per una famiglia composta da una sola persona e 485 euro in caso di almeno cinque componenti. La proposta di reddito di cittadinanza del Movimento cinque stelle punta ad assicurare 780 euro mensili per persona singola e 1.638 euro a una coppia con due figli minori. L'importo assegnato non sarebbe totale ma integrerebbe il reddito esistente fino a quella cifra, considerata la soglia di povertà.
2018-03-28 23:16:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



8 commenti presenti
Nooo Caro Tito... il reddito di cittadinanza costa 100 miliardi all'anno... sempre molto meno dei soldi italiani che date alle banche straniere dell'onorata società di sfruttamento euro...
Commento inviato il 2018-03-29 05:12:59 da ariano
pero' boeri non si domanda "moralmente ed eticamente" quanto costa in miliardi il mantenere i suoi e gli altri vergognosi ed esorbitanti privilegi della casta, della fantomatica giustizia, dei dirigenti della PA, degli immeritati vitalizi e pensioni d'oro, contorni di qua e contorni di la, tutto cio per mantenere una armata di egoisti-narcisisti di "qualita'" e senza un minimo di vergogna e di considerazione sociale umana per i propri connazionali economicamente piu deboli. Straordinariamente, tutti gli altri paesi di questa fantomatica Ue, hanno implementato sin dalla notte dei tempi, un giusto umano supportevole WELFARE, in caso di perdita di lavoro, malattia, o altri imprevidibili eventi della vita, grazie a questa globalizzazione voluta dalle ingorde multinazionali, con l'immorale supporto di politici traditori che hanno collaborato a far chiudere molte piccole e medie aziende, senza calcolare il danno sociale ed economico arreacato a molti lavoratori e famiglie. In altri paesi della Ue, a causa di questi cambiamenti comptitivamente globali, almeno hanno implementato i loro ammortizzatori sociali per proteggere lavoratori i lavoratori disoccupati, ma qui in italia, "la bella costituzione studiata ad hoc, dice in caso di perdita di lavoro o non lavoro affatto, "arrangiatevi se potete", da qualche parente, alla caritas, ai cassettoni dei mercati rionali, sotto i ponti ecc. ecc. Ecco perche nel "bel paese" esistono le mafie, tanta delinquenza, disuguaglianza e caos sociale. I clandestini ci mancavano e i criminali dell'est per completare l'opera.
Commento inviato il 2018-03-29 09:03:40 da vasfran
Dati contrastanti...ma forse Boeri considera nel costo anche tutte le commissioni "a latere" che da sempre raddoppiano ogni previsione di spesa dello Stato Italiano, per ungere a dovere tutte le parti interessate?
Commento inviato il 2018-03-29 09:24:06 da sognatore romanista
Ed ora voglio vedere come sarà pagato il reddito di cittadinanza, visto che abbiamo un debito pubblico fra i più alti al mondo. Già subiamo da anni le conseguenza dovute alle migliaia di baby-pensioni erogate da decenni a quarantenni causa fuorvianti promesse elettorali, adesso il reddito di cittadinanza. Quando saremo in default come la Grecia ne vedremo di ogni...
Commento inviato il 2018-03-29 12:15:20 da tabitha
e lei dice: "Ed ora voglio vedere come sarà pagato il reddito di cittadinanza". Il reddito di cittadinanza con gli ex spreconi-mangioni ancora tra i piedi, non potra' mai essere attuato, non perche non ci sono i soldi ma... perche i soldi che entrano nelle casse di questo stato sprecone, irresponsabilmente e smidollato verso i propri cittadini indigenti, servono solamente per mantenere la loro vergognosa vita da nababbi. E se le entrate non sono abbastanza per mantenere i loro immorali privilegi, questi "grandi onorevoli", "al momento simbolicamente disoccupati", ma...allo stesso tempo attivi nel tirare le pietre l'uno contro l'altro, continuano ad attingere dalla cassa prestiti e depositi, di uno stato che non e' piu uno stato, infatti...se ne fregano tutti altissimamente del debito pubblico che avanza sempre di piu come un tsunami e dell'inabbissamento completo dello stivale. I terroristi e tutti i nullafacenti che hanno amorevolmente accolto, faranno il resto. Spero che un giorno saranno tutti processati per alto tradimento e spolpamento del popolo italiano
Commento inviato il 2018-03-29 15:15:06 da vasfran
Di Maio ha già fatto sapere che, con Carfagna e company questori, del reddito di cittadinanza non se ne farà niente,poi sarà la volta dei vitalizi,che continueranno ad essere erogati. In ogni caso anche la pletora di baby pensionati pesa moltissimo, perchè non se ne parla quasi mai?
Commento inviato il 2018-03-29 19:36:41 da tabitha
questa storia del reddito a tutti mi sa di cicale e formiche, non trovo giusto che chi ha fatto sacrifici deve mantenere chi nella vita ha sperperato,,, si fa presto a diventare indigente specie con i vizi!come fanno a stabilire chi ha bisogno da chi ha sempre fatto furbo???
Commento inviato il 2018-03-30 12:59:31 da fatti neri
SI può fare risparmiando sui super stipendi quasi tutti ingiustificati
Commento inviato il 2018-04-03 17:05:54 da giulioconsole1
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO