Foodora, respinto il ricorso dei sei rider licenziati dopo aver protestato per le condizioni di lavoro
Immagine
Respinto il ricorso, primo del genere in Italia, dei sei rider di Foodora. La decisione è del Tribunale del lavoro di Torino. I rider avevano intentato una causa civile contro la società tedesca di food delivery, contestando l'interruzione improvvisa del rapporto di lavoro dopo che avevano preso parte alle mobilitazioni del 2016 per ottenere un giusto trattamento economico e normativo.

LEGGI ANCHE: Torino, i fattorini fanno causa a Foodora: «Licenziati dopo la protesta per compensi troppo bassi»

«Se questo sistema di lavoro è stato ritenuto legittimo, si espanderà», commentano i legali dei rider, Giulia Druetta e Sergio Bonetto, annunciando l'intenzione di appellarsi alla sentenza.

«Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza - ha commentato l'avvocato Sergio Bonetto - sicuramente non finisce qui, faremo appello. Certo è che se questo lavoro viene ritenuto legittimo si espanderà». Ad attendere la lettura del dispositivo anche alcune decine di riders che dopo aver ascoltato le parole del giudice sono rimasti in silenzio.

«Questa causa riguardava solo l'inizio dell'attività di Foodora in un periodo in  cui c'erano difficoltà organizzative, oggi le cose sono molto cambiate», ha commentato l'avvocato Paolo Tosi per Foodora ribadendo che la vicenda riguardava una situazione specifica di sei specifici ricorrenti.
2018-04-11 18:09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



3 commenti presenti
La cura Renzi contro gli operai sindacati e favorevole ai poteri forti funziona splendidamente.
Commento inviato il 2018-04-12 08:44:53 da Domenico50
Risultati della legge fatta da un partito di sinistra in favore dei lavoratori meno tutelati,in un mondo del lavoro già precario di suo complimenti i padroni ringraziano
Commento inviato il 2018-04-12 12:08:01 da romolo1927
Ecco i risultati delle operazioni del governo PD REnzi: precariato ai massimi livelli e tutele zero! Ovviamente abbassamento del costo del lavoro con orde di "schiavi" traghettate dalle ONLUS, oltre ai delinquenti! Questo èquello che si definisce un partito di sinistra! Per fortuna, altromenti bisognava pagare per lavorare!Leggi sul lavoro fatte da chi non ha mai lavorato in vita sua e che ha interessi nel mondo delle banche e dell'imprenditoria! Uno schifo!
Commento inviato il 2018-04-12 13:59:53 da skywalker58
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO