Vogliono lavoro ma non cercano: in Italia record degli “scoraggiati”
Immagine Vogliono lavoro ma non cercano: in Italia record degli “scoraggiati”
di Luca Cifoni
Non sono lavoratori, perché in effetti non hanno un’occupazione. Ma nemmeno disoccupati, perché non la cercano. Per l’Istat fanno parte delle “forze di lavoro potenziali”: sono persone che sarebbero certamente disposte a svolgere un’attività retribuita (iniziando anche entro due settimane) ma che di fatto hanno rinunciato ad attivarsi per trovarla: non mandano curriculum, non consultano annunci, non si rivolgono ad un centro per l’impiego. In Italia sono tanti. Quanti? Tre milioni,...

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



2018-07-08 22:51:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



9 commenti presenti
Aspettano che il lavoro vada a cercarli a casa. Stile: " Scappa lavoro che io arrivo." Però bisognerà garantirgli il reddito di cittadinanza. Di Maio dixit.
Commento inviato il 2018-07-09 08:45:12 da nickname2
I Centri per l' impiego sono solo un pozzo senza fondo dove finiscono le speranze e nascono i miraggi...servono solo per garantire lo stipendio a chi ci lavora, ovviamente tutta gente legata al PD. Spero solo che DiMaio riesca a rivoluzionarli facendo nascere dei centri dove realmente si possono inoltrare richieste e dove realmente verranno gestite in totale trasparenza.
Commento inviato il 2018-07-09 09:07:11 da sognatore romanista
Nei momenti difficili solo una cosa è importante: la speranza. In un paese dove spedisci cv e non ti chiama nessuno e se qualcuno ti chiama è per "prenderti in giro" cosa vi aspettate?
Commento inviato il 2018-07-09 10:31:25 da Unfregable
Chi ha avuto a che fare con i centri per l' impiego e uffici simili sa benissimo che è solo perdita di tempo e mal di fegato assicurato. Quegli uffici sono un fallimento totale. Vanno chiusi e tutti i funzionari, quasi tutti sindacalisti o gravitanti in quelle aree, buttati fuori.
Commento inviato il 2018-07-09 11:14:21 da egocentrico
Il lavoro non lo cercano e forse, forse lo vogliono, certo è che se ci mettessero lo stesso impegno che mettono la sera per cercare il pusher che gli vende le droghe, o il venditore di alcolici ...... tutto sarebbe più facile ......
Commento inviato il 2018-07-09 12:03:59 da abbipazienza
La maggior parte di questi giovani non sa quello che fa ne' quello che realmente vuole.Si illudono e sognano ad occhi aperti pensando che la vita sia piu' bella e le occasioni di lavoro piu'numerose e migliori all'estero non prendendo in nessuna considerazione il PROPRIO Paese dove realisticamente hanno di gran lunga le maggiori possibilita' di riuscire. La realta' e' che all'estero sono PSICOLOGICAMENTE gia'disposti ad accettare qualsiasi difficolta' o addirittura abusi,sfruttamenti e discriminazioni mentre in Italia,guarda caso, NO e aprono la bocca solo per criticare tutto e tutti e specialmente per parlarne male da sciocchi autolesionisti. Vuoi davvero un lavoro? Se davvero lo cerchi lo trovi o addirittura lo crei tu! E' chiaro che senza alcuna esperienza,sventolando con saccenza il "pezzo di carta"rilasciato dall'universita'(se ce l'hanno)pretendono subito posti da manager con relativi maxi-stipendi il posto di lavoro non lo troveranno mai.
Commento inviato il 2018-07-09 17:03:23 da Etipareva?
Ovvero, voglia di lavorare saltami addosso, lavora ti che mi non posso. Ma quando vanno all'estero lavorano 20 ore al giorno. L'unica differenza e questo è in loro favore che all'estero il lavoro si trova regolare e soprattutto senza conoscenze di amici.
Commento inviato il 2018-07-09 18:49:55 da Janlul
molti giovani inseguono un sogno irrealizzabile... un lavoro ben retribuito, dove si fatica poco, senza turni e vicino a casa con un oraio che non inizi troppo presto perchè il dormire è sacro e che non si lavori il sabato e la domenica. considerata la grande disponibilità di lavoro in giro, non vogliono poi una cosa così irrealizzabile, no?
Commento inviato il 2018-07-09 18:56:06 da ramaja
"Non sono lavoratori, perché in effetti non hanno un’occupazione. Ma nemmeno disoccupati, perché non la cercano" fare il mantenuto forse è meglio. Se non lavori ma neanche lo cerchi le cose sono due: o hai un sacco di soldi imboscati o fai un lavoro sotto banco forse illegale
Commento inviato il 2018-07-10 07:31:48 da marvel125
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO