Istat: 5 milioni di italiani in povertà assoluta, 1,2 sono minori. Record dal 2005, Sud più colpito
Immagine Istat: 5 milioni di italiani in povertà assoluta, record dal 2005. Sud più colpito
I poveri in Italia nel 2017 hanno superato la soglia cinque milioni. È la prima volta da quando l'Istat ha iniziato queste serie storiche, nel 2005. Di questi un milione e 208 mila sono bambini o ragazzi con meno di 18 anni. Poco meno di uno su tre è straniero. Nei dati Istat il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, legge la conferma della «giustezza dell'obiettivo che ci siamo dati con tutto il governo ovvero mettere al centro gli italiani e dare priorità assoluta alle loro necessità». 

LEGGI ANCHE Migranti, nave Maersk a Pozzallo. Salvini: siamo buoni, non come Macron


«Record di poveri in Italia! Il reddito di cittadinanza è un diritto da riconoscere subito», rilancia su Facebook l'altro vicepremier, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo, Luigi Di Maio. Vivono in povertà assoluta il 6,9% delle famiglie (un altro record, erano il 6,3% nel 2016), e la quota supera il 10% nelle famiglie del Mezzogiorno, in quelle con figli a carico e in quelle degli operai. Si conferma così, seppur in leggera riduzione, il fenomeno dei lavoratori poveri, incapaci di acquistare i beni e i servizi necessari per consentire uno standard di vita «minimamente accettabile».

Le famiglie operaie in povertà assoluta sono l'11,8% (erano il 12,6% nel 2016), una quota più che doppia rispetto a quelle dei pensionati. Del resto, il rischio di povertà delle famiglie diminuisce al crescere dell'età dei loro membri: è del 9,6% per quelle dei 18-34enni e del 4,6% tra quelle degli ultra 64enni, che pure vedono un peggioramento rispetto al 2016. Le maggiori difficoltà riguardano, in particolare, i nuclei con figli: l'incidenza della povertà cresce all'aumentare del numero di bambini e raggiunge il 20,9% per le famiglie numerose, con tre o più minori. Ancora più ampi sono i confini della povertà relativa. Le famiglie con una spesa al di sotto della media nazionale (1.085 euro e 22 cent al mese per due persone) sono il 12,3% in Italia e più del doppio al Mezzogiorno, dove raggiungono 24,7%, con un balzo di 5 punti percentuali in un anno.

La Regione più colpita è la Calabria, dove vive in povertà relativa oltre un terzo delle famiglie (il 35,3%). La Valle d'Aosta non potrebbe essere più lontana (sono povere solo il 4,4%, un valore di otto volte più basso). Di fronte a questi numeri l'Alleanza della povertà fa un appello al governo per dare stabilità e rafforzare il reddito di inclusione, «rifuggendo ogni tentazione di 'riforma della riformà». E il capogruppo del Pd alla Camera, Graziano Delrio si associa a questo invito: «#StopPovertà sia il cuore della prossima manovra di bilancio, completare e rafforzare il reddito di inclusione per 5 milioni di italiani», scrive su Twitter. Da Forza Italia, invece, la vice presidente della Camera, Mara Carfagna, propone un assegno universale per i bambini in povertà assoluta: «ha un costo decisamente inferiore al reddito di cittadinanza - spiega - e rappresenta un sostegno mirato a chi ne ha veramente bisogno».

La povertà minorile in Italia, per Save the children, è «una vera emergenza», con le parole della direttrice dei programmi Italia-Europa, Raffaela Milano, anche perché «la povertà materiale spesso si associa alla 'povertà educativà cioè l'impossibilità per i bambini di apprendere, far fiorire i propri talenti e le proprie capacità per costruire liberamente il loro futuro». Dei 2,7 milioni di persone affamate che nel 2017 hanno dovuto chiedere aiuti per il cibo, tra mense dei poveri e consegne di pacchi alimentari, sottolinea la Coldiretti, 455 mila sono bambini e ragazzi di età inferiore ai 15 anni.
2018-06-26 11:46:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



27 commenti presenti
1 2 3
Per dare i 35 euro giornalieri che vengono dati agli immigrati africani agli italiani poveri ci vorrebbero 65 miliardi di euro l'anno.
Commento inviato il 2018-06-26 12:10:35 da minnamor
Il retaggio di tanti anni di PD al potere!
Commento inviato il 2018-06-27 12:23:53 da peaeye
L'unica,autentica maniera per uscire dalla proverta' e' avere un POSTO DI LAVORO con un salario o uno stipendio quanto meno sufficiente ad arrivare serenamente a fine mese. I posti part-time, il ventilato reddito di cittadinanza, le assunzioni a tempo determinato sono semplicemente dei "cerotti" tendenti a nascondere ferite ben piu' gavi e pressanti. Fino a quando la nostra classe politica all'unisono con gli imprenditori (italiani o stranieri che siano) non riusciranno a creare veri POSTI DI LAVORO il Paese non crescera' e i poveri continueranno ad aumentare sempre di piu'. Con tutte le conseguenze negative facilmente immaginabili.
Commento inviato il 2018-06-27 18:40:24 da Etipareva?
Purtroppo andrà sempre peggio perché continuiamo a importare poveri e ad esportare giovani, paese senza futuro
Commento inviato il 2018-06-27 23:54:01 da luky71
Ma come? Fino a marzo la Rai e tutti i principali giornali ci raccontavano che la crisi ormai era un ricordo lontano con l'occupazione ritornata ai livelli pre-crisi... e ora invece veniamo a sapere che la povertà in Italia ha toccato livelli mai visti dal dopoguerra! E ancora non abbiamo visto nulla... con mezza Africa da sfamare (più sanità alloggi trasporti ecc) cui il PD ha concesso di venire... andandoseli a prendere fino in casa loro. Almeno una volta arrivavano da soli! L'unica occupazione che è aumentata è quella dei "volontari" STIPENDIATI delle Ong e dei centri e alberghi di accoglienza!
Commento inviato il 2018-06-27 23:57:24 da marcello1961
marcello...1961....23.57. certamente la crisi non é più presente, visto che da settimane si parla solo di migrazione.Di crisi chi nè parla ancora. Il nostro più grande problema sono i MIGRANTI. capito??? BASTA PENSARE CHE SALVINI CON LA SUA LEGA SI TROVA Al30%: Questo per merito di quei poveri disgraziati.cOme detto nessuno parla piú di economia,in tutti i Talk show, e sui quidianisi parla solo del grande pronblema migranti.Beh, meno male che è il solo problema che l`Italia ha.Intanto Salvini fa il pieno.In futuro né vedremo delle belle. POVERA ITALIA.A
Commento inviato il 2018-06-28 12:13:43 da mario da francoforte
Grazie sinistra! !!
Commento inviato il 2018-06-28 18:55:38 da ghiringhelli
Se ci occupassimo dei nostri poveri invece di pensare agli altri, magari qualcuno lo potranno aiutare. Con i 5 miliardi di euro che spendiamo per i clandestini qualcosa di farebbe.....
Commento inviato il 2018-06-28 21:34:57 da skywalker58
Se ci occupassimo dei nostri poveri invece di pensare agli altri, magari qualcuno lo potranno aiutare. Con i 5 miliardi di euro che spendiamo per i clandestini qualcosa di farebbe.....
Commento inviato il 2018-06-28 21:34:57 da skywalker58
Domenico proietti...20.35 del 26,06....... Le posso rispondere solo oggi.Le consiglierei di fare un giro di qualche giorno per l´europa, poi né riparliamo.Grazie.Detto tra noi.Sono un romanaccio de ROMA, NATO A PIAZZA BOLOGNA, cresciuto e studiato nella mia citta natale..Salvini nella mia cittÁ NON LO VOGLIO VEDERE: capito´????????se voi lo volete, godetevelo.
Commento inviato il 2018-06-29 12:33:43 da mario da francoforte
fantastico,articolo sulla povertà a seguire,,,rincaro bollette,,,non ci sono parole per descrivere ipocrisia,,basta vedere accordo migranti,,una farsa
Commento inviato il 2018-06-29 15:14:44 da fatti neri
ISTAT non conteggia tutti quindi quei 5 miliono sono molti di più non conteggiati! Non serve un "ente" che conteggia alla "grosso modo" anzi è una spesa inutile e dannosa
Commento inviato il 2018-07-04 15:13:06 da Joelboy
In questa situazione un messaggio a tutti i sostenitori del regime cattocomunista sia con i voti che con i proclami in nome di un ipocrita "umanità": ripensateci, prima vengono i "nostri" poveri perché non abbiamo risorse per gli altri il debito pubblico ce lo vieta.
Commento inviato il 2018-06-27 09:23:18 da Riky 1938
Con tutti questi milioni di poveri che abbiamo, al PD sopratutto, non è mai venuto in testa di ridurre ai propri parlamentari e politici in generale, le lucrosissime entrate parlamentari, regionali, provinciali e quantaltro e non parliamo inoltre, delle decine di migliaia e migliaia di consiglieri, distribuiti nei vari Enti pubblici. A Loro è sempre piaciuto intascare, sopratutto! Di questo passo e con la questione immigrati, stavano mandando all'aria l'intero Paese.
Commento inviato il 2018-06-27 08:46:28 da Socio
'a Mario da Francoforteeee ma che fai l'incantatore de serpenti na' vita o pensi che noi se caschi tutti dal pero? Le "boiate" sille dici a casa tua non fanno danni, ma si' ce 'e vieni a riccontà 'a nnoi che se le viveamo sulla pelle fanno ròde, come glje ròde a tutto il PD che per ricontalle come te le fregnacce, ci'ha perso prima la faccia e pura li voti... scolla bbello va'
Commento inviato il 2018-06-26 20:35:01 da Domenico Proietti
E c'era qualcuno con l'accento toscano che andava orgoglioso delle riforme fatte. Cecità o presunzione non avere visto un popolo così vasto che soffre?
Commento inviato il 2018-06-26 12:21:00 da dcbruno
"se i poveri aumentano e' buonsegno", vuoldire che la solita combriccola dei 390mila che detiene egoisticamente e vergognosamente la maggiore ricchezza del paese, arricchisce sempre di piu.
Commento inviato il 2018-06-26 12:26:18 da vasfran
Come non potrebbe essere se non cosi con i stipendi italiani! Non è un caso che i giovani italiani vadino a cercare lavoro altrove, dove con le stesse competenze riescono a pagare un affitto, seppure alto, ma poi hanno 2/3 di stipendio in tasca, mentre qui se paghi l'affitto poi non ti rimane di che vivere e questo vale sia per chi ha 18 anni, sia per chi come me ha abbondantemente superato i 50, le pensioni sono mance e guadagnano solo politici preti e industriali, anche se poi questi, sanno solo piangersi addosso e dire che con quello che guadagnano non riescono ad arrivare a fine mese, quando la gente non arriva più neanche al fine settimana.
Commento inviato il 2018-06-26 12:46:21 da Domenico Proietti
Fuffa. La maggioranza fa lavori e lavoretti in nero.
Commento inviato il 2018-06-26 12:54:18 da sr.pococurante
Ringraziamo l'Euro che non ci permette di affrontare questa emergenza umanitaria.
Commento inviato il 2018-06-26 13:37:35 da minnamor
1 2 3
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO