Manovra, sì del Senato: è legge
Immagine
Il Senato ha approvato la legge di Bilancio con 166 sì, 70 no e 1 astenuto. La manovra è dunque legge. Il governo aveva già incassato la fiducia dell'aula sull'articolo 1 della legge di bilancio che contiene la parte normativa della manovra. I sì erano stati 173, i no 108 senza astenuti. 

«Legge di bilancio approvata. Alle 19 le dimissioni formali. Un grazie a tutti. Evviva l'Italia», ha annunciato il premier Renzi su Twitter. «Credo sia un'ottima legge e vi invito a vedere le slide che abbiamo preparato un mese fa all'atto dell'approvazione in Consiglio dei Ministri», aggiunge il premier su Facebook. «Sono stati mille giorni straordinari», sottolinea ancora.

Un epilogo lampo dunque per la manovra chiesto dal Quirinale prima delle dimissioni del governo. Ma i tempi della crisi non dovrebbero essere rapidissimi d'ora in avanti, dopo la tensione che si è alzata ieri tra il presidente della Repubblica e il capo del governo sull'ipotesi di elezioni anticipate entro breve. Mattarella punta a convocare le elezioni non prima di disporre di una legge elettorale omogenea per Camera e Senato, quindi con un ulteriore intervento del Parlamento dopo la decisione della Consulta annunciata per il 24 gennaio. Renzi chiede (al Colle e anche al Pd) di decidere tra un governo di "responsabilità nazionale", con il coinvolgimento anche delle opposizioni, e il voto a breve.

Decisiva sarà nel pomeriggio la Direzione del Pd. Al Nazareno andrà in scena la resa dei conti interna dopo l'annuncio di dimissioni di Renzi. I Dem dovranno decidere cosa dire nelle consultazioni al capo dello Stato e il presidente del Consiglio, dopo la conferenza stampa della notte del No a Palazzo Chigi, farà sapere le sue intenzioni sul futuro. Ad agitare il confronto interno l'intervista a Repubblica dell'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che si dice 'pronto a unire la sinistra fuori dal Pd' e invita Renzi a dialogare per un'alleanza che lasci fuori gli ex del centrodestra, Alfano e Verdini.

Nelle opposizioni, intanto, il leader della Lega Matteo Salvini tende la mano al Movimento 5Stelle per l'obiettivo comune di andare al più presto al voto. «Alzino il telefono - dice - su certi temi siamo d'accordo. Rinviare il voto è inconcepibile». E minaccia altrimenti di far scendere in piazza il Carroccio. Ma la notizia della giornata nel centrodestra è il nuovo ricovero di Silvio Berlusconi al San Raffaele di Milano per nuovi controlli dopo 6 mesi dall'intervento al cuore. L'ospedale fda sapere che si tratta di una visita di routine e che potrebbe essere dimesso nel pomeriggio.

Intanto, anche l'attenzione dei mercati è puntata sulla scena politica e, soprattutto, sull'ipotesi sempre più concreta di un decreto sulle banche che definisca i contorni del possibile intervento pubblico. Anche stamattina le Borse europee sono positive, Milano guadagna oltre l'1% trainata dai titoli bancari e industriali.

 
2016-12-07 11:30:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



11 commenti presenti
1 2
cosa aspetta il renzi, la boschi e varia associata combriccola ad andarsene? Dopo che sara approvata la manovra finanziaria viaaaa.....sciooooooo......pussaaaa......viaaaaa....capisci o non capisciiiii.
Commento inviato il 2016-12-07 12:56:30 da vasfran
Signor Paoluccio46 (16:29), noi due abbiamo differenti opinioni sull'ormai ex governo Renzi e non ho certo la pretesa di convincerla. Pero' lei, come altri, formulate accuse generiche quali "governo asservito alla casta" ed altre che a mio avviso non rispondono a verita'. Se c'e stato un governo che ha tentato di toccare i privilegi di casta (politici e sindacati) e' stato proprio il governo Renzi, ed e' per questo che il 60% degli italiani si e' opposto. Perche' la casta non e' solo quella dei 900 senatori & deputati, e' soprattutto e piu' numerosa quella dei politici e comuni cittadini che lavorano in enti inutili e parassitari (province, CNEL, aziende partecipate, parlamenti regionali & provinciali & comunali, delle migliaia di sindacati, assessorati inutili, ecc ecc) che non vogliono rinunciare ai loro privilegi. L'enorme debito pubblico che abbiamo e' provocato proprio da questa enorme foresta di imboscati privilegiati, oltre che ovviamente dalla corruzione pubblica che anche qui non e' solo dei politici, ma di tutti noi. Infatti siamo noi comuni cittadini ad alimentare la corruzione: quanti di noi possono vantarsi di non aver MAI cercato una raccomandazione per un lavoro, un posto in ospedale, la cancellazione di una multa, insomma un favore qualsiasi, e quanti di noi in cambio hanno dato il loro voto ad un politico o ad un sindacalista? Ragioniamoci un po' su e magari qualche punto di accordo io e lei lo troveremo.
Commento inviato il 2016-12-07 17:19:28 da maurizio macold
quel che non riesco a capire perche abbiamo avuto tre governi tecnici? Mai ne3lla storia repubblicana dell'italia che e' nata circa 70anni fa, gli italiani sono stati costretti a fare indigestione di illusionari governi tecnici che, invece di equilibrare e migliorare le cose, il paese affossava ugualmente nei debiti, nell'insicurezza, nella poverta' e nella continua invasione dall'africa che... appunto questa, e' stata la goccia che ha fatto trabbocare il vaso con la massa populista che giustamente ha votato in gigantesco NO. Il governo renzi e' stato il terzo, quindi non doveva governare tre anni ma solamente sei (6) mesi e poi alle urne per eleggere un vero leggittimo governo deciso dal popolo, con giusti onesti programmi d'accordo con tutti i residenti palazzinari amanti della poltrona. Spero che Mattarella non faccia gli stessi errori del finto comunista napolitano, e si vada il piu veloce possibile alle urne, in base ai giusti onesti programmi che ci presenteranno saranno gli italiani a decidere chi li dovra governare in questo drammatico momento in cui si trova il paese.
Commento inviato il 2016-12-07 17:09:30 da vasfran
1000 giorni meravigliosi solo per te caro Renzi e per la casta che rappresenti. La Boschi è una gran bella ragazza, ma non era questo il requisito per riformare la Costituzione. Tu hai fatto gli interessi di tutti tranne che delle persone normali e normali lo dico con l'orgoglio di esserlo. Basta non ti vogliamo più sentire dettare le regole ad un paese che ti detto chiaramente che le tue emergenze non sono le nostre. Alza il sedere dalla poltrona e lasciala a chi è in grado di governare il paese.
Commento inviato il 2016-12-07 16:58:55 da goccia_agoccia
maurizio macold 13:39:58 Se c'è stato uno che ha perso l'occasione è stato proprio il PD che con Letta e quel Programma votato dagli elettori, avrebbe potuto fare tantissime buone cose per il Paese, ma si è voluto cacciarlo via, con una manovra di Palazzo asservita alla Casta e alle Lobby che io e milioni di italiani hanno ritenuto a dir poco INDECENTE e NON degna di una Nazione Democratica, Le conseguenxe le abbiamo viste e purtroppo subite noi italiani !!! Rifletta e vedra' che converra' con me....Renzi con la sua politica asservita, ha fallito clamorosamente ed è giusto che faccia un passo indietro...!
Commento inviato il 2016-12-07 16:29:16 da paoluccio46
La storia , anzi tutta la vicenda e' partita male. Un uomo non eletto da nessuno, così come il resto (la boldrini, la boschi etc etc) non poteva mettere le mani sulla costituzione . renzi c'ha provato con i 500 euro agli studenti, la mancia degli 80 euro etc etc, ma ha pagato duramente la questione banche, la invasione di non aventi diritto (migranti clandestini) che hanno africanizzato città , paesi e quartieri interi.
Commento inviato il 2016-12-07 16:24:10 da PAKO
Signor ANVEDIQUESTI (13:48), ho letto il suo lungo e documentato post che a mio avviso contiene alcune verita' ed alcune falsita'. Ma e' normale, non si puo' essere d'accordo su tutto. Pero' su una cosa sono in totale disaccordo con lei ed e' la seguente: dal suo post sembra che prima di Renzi navigassimo nell'oro, che il lavoro abbondasse, che il debito pubblico diminuisse, ecc. Insomma, che avessimo un'economia fiorente, e poi per colpa di quelli che lei definisce "dilettanti allo sbaraglio" adesso siamo sull'orlo del baratro economico. Mi scusi, ma lei fino a tre anni fa dove viveva ?
Commento inviato il 2016-12-07 16:17:46 da maurizio macold
Ah dimenticavo: l'apocalisse annunciata in caso di vittoria del NO e' stata puntualmente smentita dai fatti. La borsa vola. Lo spread cala.
Commento inviato il 2016-12-07 13:53:19 da AnvediQuesti
certo il caro Renzi ha fatto proprio un bel casino: una legge elettorale che da' per scontato che la riforma costituzionale sia approvata dal popolo. Il popolo la boccia, e ora la legge elettorale, dopo mesi/anni di bla bla e chiacchiere varie, e' inutile. Poi una legge finanziaria veramente malfatta, piena di iniquita' e provvedimenti inutili fatti solo per tirare su due numeri da far vedere all'UE (condoni vari, aumenti di tasse, IVA, nessuna riforma strutturale, etc etc), che l'UE peraltro ha gia' bocciato dicendo di aspettarsi una manovra correttiva dal prossimo governo. Poi si dimette come i bambini che portano via il pallone quando gli fischi un rigore contro: la misera finanziaria degli improvvisati DEVE essere approvata con la fiducia (fiducia a chi?? A un governo che ha gia' annunciato le dimissioni? Mah...). Impossibile pero' votare con una legge elettorale "monca", e quindi governicchio per grattare il grattabile dal fondo della pentola bruciata. Quindi in questi famosi 1000 giorni: debito pubblico aumentato (che di per se' non sarebbe male, se non dovessimo restituire i soldi alla BCE), disoccupazione in aumento, occupazione in diminuzione, cuneo fiscale in aumento, tasse in aumento, aziende che chiudono ogni giorno, tentate privatizzazioni e svendite di stato peraltro neanche andate a buon fine, 6 banche sull'orlo del fallimento (e miliardi di euro che il PROSSIMO governo dovra' spendere perche' Renzi e Padoan non hanno voluto fare NIENTE se non assicurarsi che la famiglia Boschi non paghi nulla), nulla di fatto per gli esodati, nulla di fatto per le classi sociali meno abbienti, nulla di fatto per il sud Italia, nulla di fatto contro l'immigrazione clandestina e la (conseguente) microcriminalita', una bella alleanza con gente tipo Alfano, Verdini e bella compagnia di inquisiti e indagati, e un bel po' di amici e amici degli amici infilati nei posti giusti a prendere stipendi milionari e pensioni d'oro. Per il resto, chiacchiere, arroganza e promesse mai mantenute. MA neanche "dilettanti allo sbaraglio", questi sono proprio dei ragazzini scappati dalle scuole. E poi c'e' chi li difende...
Commento inviato il 2016-12-07 13:48:14 da AnvediQuesti
Abbiamo perso un'ottima, forse unica, occasione per ammodernare il nostro paese. Purtroppo hanno vinto il qualunquismo e l'ignoranza del popolo italiano, e la casta politica sta festeggiando. Nessuno tocchera' i loro privilegi.
Commento inviato il 2016-12-07 13:39:58 da maurizio macold
Per Maurizio macold:lei come il suo numero tutelare è afflitto da una presunzione che l'acceca.Lei parla di occasione perduta,io che come milioni di persone abbiamo sfruttato l'occasione per mandare a casa un governo di arroganti,presuntuosi ,saccenti figli di papà.Ciaone a lei e atutti loro.
Commento inviato il 2016-12-07 17:49:42 da hotanitaneo
1 2
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO