Spread in rialzo dopo la bozza di contratto Lega-M5S, Borsa in calo
Immagine
di Roberta Amoruso
Ci risiamo: lo spread va oltre quota 150 punti e torna a far parlare di sé. Finora una pazienza attesa dei mercati aveva di fatto smentito tutte le previsioni della vigilia. Non si è visto lo spread a 260-300 punti dopo il traguardo tagliato alle elezioni dalle forze anti-establishment, Cinquestelle e Lega. Né tantomeno si sono rivisti i livelli del 2013 dopo oltre 70 giorni di molti stop e pochi go, per dare un governo al Paese. Anche perché lo spettro dell'uscita dall'euro, ottima benzina per il rendimento dei titoli, sembrava definitivamente archiviato. E invece il fantasma del differenziale tra Btp e Bund si è presentato puntuale non appena si è sfiorato un capitolo come il taglio del debito. Un dossier «strasuperato», si è detto subito. Ma gli investitori internazionali, che hanno in portafoglio un terzo del debito italiano, non ci stanno: guai a sventolare parole che destabilizzano la posizione dell'Italia nell'Eurozona. Ecco perché ieri lo spread Btp/Bund ha fatto un salto di oltre 20 punti, prima di chiudere a 151 punti con il rendimento del decennale al 2,10%. Per Piazza Affari il calo è stato invece del 2,3%. Ma poteva andare peggio: durante la giornata ha toccato un rosso di quasi il 3%. Mentre invece si è chiuso con successo il collocamento del Btp Italia: la domanda dei risparmiatori ha raggiunto poco più di 4 miliardi, oltre i livelli di novembre, in attesa oggi dell'asta degli investitori istituzionali. Certo, è presto per temere le grandi ondate speculative. L'Italia ha oggi le spalle più larghe e può ancora contare sull'effetto stabilizzante degli acquisti Bce. Ma il paracadute non varrà per sempre, e certi strafalcioni potrebbero pesare ben più nei prossimi mesi sul conto degli interessi a carico del debito italiano. Un capitolo che diventerà cruciale nella nota di aggiornamento del Def, prevista in autunno, che avrà la prima firma del nuovo governo. Intanto ieri è arrivato il via libera al documento da parte della Commissione speciale del Senato, in vista del passaggio in Aula tra la prossima settimana e quella successiva.

Nel frattempo Luigi Di Maio e Matteo Salvini rispediscono al mittente il test dello spread. Sono «i soliti giochini della finanza, vuol dire che stiamo facendo bene», dice il segretario della Lega. Uno «spauracchio contro il cambiamento», attacca dall'altra parte il leader M5s. E poi ancora, decisamente fuori tema: «Guarda caso, con l'ipotesi del governo M5s-Lega cominciano le fibrillazioni. Vedo una certa paura da parte degli eurocrati. Ma non mi spaventano». È preoccupato per i risparmiatori invece Silvio Berlusconi. Mentre il premier Paolo Gentiloni lancia una bordata dal vertice Ue di Sofia: «Cercherò di rassicurare l'Europa, ma rischia di essere difficile davanti a proposte velleitarie e stravaganti».
2018-05-16 09:30:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



28 commenti presenti
1 2 3
questo è solo l'inizio - quando presenteranno la legge di stabilità ( se ci riusciranno ) ne vedremo delle belle
Commento inviato il 2018-05-16 10:09:00 da carlo pisacane
Braviiiiii…...gli ItaGliani (presto in mutande) vi ringrazieranno...coi Forconi,pero' !!!
Commento inviato il 2018-05-16 15:36:28 da paolob
scusate, non sono solito commentare ma leggo diverse cose inesatte.. innanzitutto in uk non ci sono stati distastri perché sono ancora in Ue, ci sono trattative in corso ma è bastata la notizia a far rallentare l'economia, quando la city l'ema ecc si sposteranno verranno i dolori. Il famoso spread in se per se non è un dato che deve poter avere valenza sul giudizio di un governo, ma è un paramentro per valutare l'affidabilità di un debitore che chiede soldi ad altri come lo siamo noi italiani, il debito non è stato fatto dall'ue ma da NOI ITALIANI accusare la speculazione è come dar la colpa degli allagamenti alla pioggia e non al rispetto delle regole, chi di voi presterebbe denaro allo stato italiano sapendo che si parla di non ripagare i debiti ? ebbene se non siete pronti a dare i vostri soldi fate non vi aspettate che sia uno straniero a farlo ebbene cosa c'entra la speculazione !!!!???
Commento inviato il 2018-05-16 15:40:42 da mauriziomaur
Questo è indice che STANNO FACENDO BENE e i mercati o meglio chi li gestisce, teme come un matto che le Nazioni ribellandosi se liberino di loro definitivamente.
Commento inviato il 2018-05-16 15:51:38 da Domenico Proietti
TUTTE LE RECESSIONI TUTTE SONO SEGUITE A MOVIMENTI BORSISTICI RIBASSISTI, dire che le borse non hanno connessione con la realtà è ingenuo ogni oltre limite, basta osservare dati recuperabili da chiunque su centinaia di portali.
Commento inviato il 2018-05-16 16:03:46 da mauriziomaur
Sono solo manovre di speculatori...Ricordo ai giornalisti ed ai gufacci che durante il Governo Gentiloni, precisamente il 22.05.2017 lo spread sali' a 200 punti, il 2 gennaio 2018 era a 160 ...!!! Perche' era cosi' alto, forse perche' gia' prevedevano l'invasione delle cavallette ?
Commento inviato il 2018-05-16 16:39:11 da paoluccio46
Adesso comincia la litania dei "mercati che reagiscono con preoccupazione"... che pena....
Commento inviato il 2018-05-16 17:02:11 da Giovanni Roberto Mascarato
le chiacchere stanno a zero, possiamo beatamente fregarcene dei mercati finanziari, ma ogni volta che si affrontano questi argomenti mi viene sempre in mente la faccia di mia madre dopo la manovra disperata che fu fatta dal governo amato col prelievo del 6%000 sul suo conto corrente.
Commento inviato il 2018-05-16 17:27:34 da biglucio
Una riduzione del debito non si chiede. Si deve fare come l'Argentina: si annuncia una moratoria sul debito e si aprono negoziati sulla base di una riduzione proposta dal debitore. Le negoziazioni sarebbero coordinate dal FMI e le misure che il FMI potrebbe imporre non sarebbero diverse da quelle della Commissione. Comunque un'uscita dall'Euro e/o uscita temporanea dalla UE sarebbe meglio e meno traumatica.
Commento inviato il 2018-05-16 17:36:45 da minnamor
Il diversamente casinò chiamato Borsa dimentica che nel 2017 Milano fu quella che ha guadagnato di più, in tutta Europa . Non ditelo al "parco buoi" ma si tratta della cosiddetta " presa di beneficio"( realizzazione dei guadagni) che si effettua prendendo per scusa la minima occasione negativa. Citando il "Pinocchio " del Collodi: "vi conosco mascherine"! Paolo Diamante Roma
Commento inviato il 2018-05-16 17:45:59 da prudentissimo
I mercati non sono spaventati perché comandano loro sugli Stati e sulle manovre fiscali. Sono segnali o intimidazioni della stessa natura di quelle attuate dai cravattari... Quando cacciarono Berlusconi, i mercati erano spaventati o ci stavano puntando una pistola contro? Se vi piace la vita da schiavi, fidatevi dei mercati e della finanza speculativa...
Commento inviato il 2018-05-16 18:36:20 da telonius
Stanno facendo ció per cui ho votato lega sono soddisfatto avanti cosí!!!!!
Commento inviato il 2018-05-16 19:58:04 da wellington
L' Europa degli interessi particolari, decisa a mantenere lo status quo attuale, ha iniziato il bombardamento. Questo significa che un possibile nuovo governo, DIVERSO DAGLI ALTRI, è quanto mai urgente e necessario. I malesseri europei derivano essenzialmente dalle banche, profittatrici e usuraie, e dai mille pasticci combinati dagli eurocrati, teleguidati dalla Germania e dalla Francia.
Commento inviato il 2018-05-16 20:40:54 da egocentrico
Paura del cambiamento eh ? E Mattarella non dice nulla alle bacchettate della UE? Tutti d'accordo eh?
Commento inviato il 2018-05-16 15:20:57 da apritegliocchi
Caro Carlo, è la stessa identica cosa. Tu continua a credere che i mercati reagiscono così perché il governo M5S-Lega sarebbe un male e non perché non è ben voluto proprio da quell'elite finanziaria che governa gli stessi mercati, che ora vogliono far credere ai boccaloni che sarebbe un disastro. Per fortuna di persone come te che si fanno influenzare perché non pensano con il loro "cervello" ce ne sono poche al giorno d'oggi. Continua a credere alle grida di allarme a comando, come lo spread. Svegliati. Sono sicuro che ti sei uno di quelli che credeva che con la brexit il mondo sarebbe finito in rovina.
Commento inviato il 2018-05-16 14:57:10 da AnonimoMonteverde
Notizia confortante. Si puo' leggere anche come ricatto/rivalsa dell'Europa contro un Paese che finora e' stato munto come una vacca da latte. Ma in una unione tra pari non si puo' tenere un Paese Sovrano assoggettato con questi mezzi pena la fine dell'Unione.
Commento inviato il 2018-05-16 10:48:02 da sscipionelafricano
Ti pareva che immediatamente i vampiri della finanza si gettavano sul boccone facile? L' andamento delle Borse non rappresenta la realta', e' un mondo virtuale e artificiale che vive solo grazie a chi specula sulle sofferenze e le difficolta' di chi lavora e sopravvive nel mondo reale! Oggi investono scommettendo sul calo, domani investono sulla risalita, e pochissimi ci guadagnano, quei pochissimi che possiedono risorse sufficienti per mettere in ginocchio le banche nazionali. Il futuro delle prossime generazioni non puo' essere un recinto invisibile ma insuperabile, costituito dalla scure del debito pubblico! Quel debito non puo' essere onorato e cancellato neanche in mille anni! Quindi, va disconosciuto, cancellato, o reso umano, perche' costituisce un ricatto effettivo, e i ricatti sono reati da perseguire secondo i codici penali. Spero che il genere umano riesca a liberarsi di quei parassiti...
Commento inviato il 2018-05-16 11:20:11 da sognatore romanista
lo spread è in rialzo: è cominciata la giostra per farci abbassare la cresta e ridurci a più miti consigli. Abbiamo già dato.
Commento inviato il 2018-05-16 11:35:01 da claudione
Consolidamento debito pubblico e troika in arrivo? Ricorda, parecchio, la Grecia di Tsipras di 3 anni fa. Il primo ministro greco si è poi rivelato il più ferreo esecutore della 'cura' richiesta dalle autorità monetarie internazionali, cioè i creditori dello Stato greco, che, per avallare un consolidamento molto piu piccolo del nostro, pretesero lacrime e sangue. Pagheremo a caro la finanza ballerina? La lega? A rigor di logica le tasse dovrebbero aumentare, altro che flat tax.
Commento inviato il 2018-05-16 12:33:08 da Clamer
sport nazionale : la colpa è sempre di altri - avere una finanza allegra con tassi di interesse bassi equivale a credere ancora alla befana
Commento inviato il 2018-05-16 12:33:59 da carlo pisacane
1 2 3
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO