Borse europee in rosso. Maglia nera a Milano
Immagine
(Teleborsa) - Giornata complessivamente negativa per le borse di Eurolandia, che terminano con il segno meno, zavorrate da Piazza Affari che fa decisamente peggio.

Sul mercato dei cambi, l'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,15%. Sessione debole per l'oro, che scambia con un calo dello 0,38%. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 67,61 dollari per barile, con un ribasso dell'1,67%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 228 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,77%.

Nello scenario borsistico europeo contrazione moderata per Francoforte, che soffre un calo dello 0,53%. Scivola Londra, con un netto svantaggio dell'1,24%. Sottotono Parigi che mostra una limatura dello 0,23%. A Milano, forte calo del FTSE MIB (-1,91%), che ha toccato 21.791 punti.

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,53 miliardi di euro, con un incremento del 57,73%, rispetto ai precedenti 1,6 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,88 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 2,15 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 257.127, rispetto ai precedenti 194.272.

Su 208 titoli trattati in Borsa di Milano, 133 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 75. Invariate le rimanenti 0 azioni.

In luce sul listino milanese i comparti vendite al dettaglio (+1,53%), sanitario (+1,18%) e alimentare (+1,18%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori automotive (-4,67%), utility (-2,77%) e bancario (-2,64%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Banca Mediolanum (+3,91%), Campari (+1,94%), Fineco (+1,44%) e Leonardo (+1,41%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Ferrari, che ha terminato le contrattazioni a -8,35%.

Soffre Intesa Sanpaolo, -4,59% nel giorno in cui ha diffuso la semestrale.

Pesante anche Enel, che segna una discesa di ben -3,88 punti percentuali.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Ascopiave (+11,32%), De'Longhi (+5,80%), Amplifon (+3,03%) e Banca Popolare di Sondrio (+1,78%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Falck Renewables, che ha archiviato la seduta a -5,75%.
2018-08-01 18:00:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO