Chiude in negativo la Borsa di Milano
Immagine
(Teleborsa) - Piazza Affari scende, mentre le principali Borse europee restano ancorate ai valori della vigilia.

Prevale la cautela sull'Euro / Dollaro USA, che mostra un leggero calo dello 0,37%. L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.214 dollari l'oncia. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 66,97 dollari per barile.

Piccolo passo verso l'alto dello spread, che raggiunge quota 251 punti base, mostrando un aumento di 4 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,89%.

Nello scenario borsistico europeo composta Francoforte, che cresce di un modesto +0,34%, pensosa Londra, con un calo frazionale dello 0,45%, e senza spunti Parigi, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi.

Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dello 0,72% sul FTSE MIB.

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 1,5 miliardi di euro, in calo rispetto ai 1,65 miliardi della vigilia; mentre i contratti si sono attestati a 164.089, rispetto ai 198.906 precedenti.

Tra i 225 titoli trattati, 132 hanno chiuso in flessione, mentre 72 azioni hanno terminato la seduta di oggi in progresso. Stabili le restanti 21 azioni.

In buona evidenza a Milano i comparti chimico (+0,88%), materie prime (+0,79%) e alimentare (+0,66%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori bancario (-1,17%), costruzioni (-0,90%) e beni industriali (-0,86%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Saipem (+2,50%), Tenaris (+0,80%), Fineco (+0,75%) e Campari (+0,68%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Unipol, che ha terminato le contrattazioni con un -2,01%. Spicca la prestazione negativa di Unicredit, che scende dell'1,90%. Poste Italiane perde l'1,69%. Calo deciso per CNH Industrial, che segna un -1,6%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Technogym (+3,22%), Tamburi (+1,74%), Brunello Cucinelli (+1,52%) e El.En (+1,32%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Credem, che ha chiuso con un -2,25%. Sotto pressione Juventus, con un forte ribasso dell'1,71%. Soffre Ascopiave, che evidenzia una perdita dell'1,69%. Preda dei venditori Banca MPS, con un decremento dell'1,57%.
2018-08-09 18:15:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI NOTIZIA

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



0 commenti presenti
CERCA
promo
Facile.it
TUTTOMERCATO